Ratafià di ciliege selvatiche

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il ratafià è un liquore composto da un infuso a base di succo di frutta ed alcol. I ratafià più famosi sono quelli ottenuti dalle amarene e dalle ciliegie. A seconda della regione nella quale ci troviamo, il ratafià può avere qualche particolarità a livello di ingredienti. Infatti per esempio in Abruzzo si aggiunge il vino rosso Montepulciano, mentre in Ciociaria la cannella e la vaniglia. Nella seguente guida, passo dopo passo, vedremo proprio come preparare in casa un ratafià con le ciliegie selvatiche.

25

Occorrente

  • 1 kg di ciliege selvatiche
  • 3 litri di acquavite
  • 2 kg di zucchero
  • Bottiglie di vetro
  • Vaso con coperchio
35

Prendiamo le ciliegie, laviamole e togliamo il picciolo. Anzichè lavarle, possiamo anche semplicemente utilizzare un canovaccio umido. Lo passiamo sopra una ad una per pulirle. Disponiamo le ciliegie su un panno e con un pesta-carne andiamo delicatamente ad ammaccarle. Non dobbiamo togliere i nocciolini all'interno delle ciliege, perché questi andranno a conferire sapore al nostro prodotto finale. Prendiamo le ciliegie selvatiche, le mettiamo in un grande vaso di vetro con dell’ acquavite che andremo a chiudere con l'apposito coperchio.

45

Lasciamo il tutto a macerare per almeno due mesi in un luogo al riparo dai raggi solari e possibilmente senza sbalzi di temperatura. Ogni tanto sarebbe meglio agitare il vaso per mescolare bene i frutti all'interno. Trascorso questo tempo apriamo il grande vaso. Filtriamo il suo contenuto servendoci di un colino da cucina o un setaccio fine. Al liquido ottenuto uniamo lo zucchero. Dopo aver mescolato bene, possiamo versarlo in una bottiglia di vetro sigillata con l'apposito tappo. Faremo riposare il preparato per due giorni interi. Ora è possibile passare all’imbottigliatura in bottiglie di vetro dotate di tappo. Per la consumazione dobbiamo attendere almeno una settimana. Il prodotto è ora pronto. È possibile utilizzarlo sia come liquore per aromatizzare dolci come torte e biscotti, ma anche come digestivo preso dopo un pasto abbondante.

Continua la lettura
55

Nel caso di ciliegie classiche il procedimento descritto avrà delle variazioni. Infatti queste devono essere denocciolate ed i noccioli messi a macerare in un secondo vaso. I due vasi ottenuti andranno lasciati al sole per 30 giorni. Ma dobbiamo aver cura di ritirarli durante le ore notturne! Al procedimento finale andrà aggiunto anche dell’alcol. Anche se la procedura richiede tempi d'attesa, la preparazione non è difficile, e il risultato è ottimo. Il liquore alle ciligie verrà sicuramente apprezzato da tutti i vostri ospiti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Come preparare la torta fredda con ricotta, pasticcera e ciliege

Con l'arrivo della stagione estiva si è alla ricerca di torte fresche e facili da fare per poterle presentare a parenti ed amici durante i nostri eventi in compagnia. Oggi vi mostreremo come realizzare una torta che non ha davvero nulla da invidiare...
Dolci

Come preparare la treccia alle ciliege candite

Tutti amano i dolci, chi più chi meno, e nel corso dei secoli ne sono stati inventati tantissimi per soddisfare i gusti di tutti. Esistono però dei dolci particolari, davvero ottimi e squisiti che possono essere preparati in maniera semplice come la...
Dolci

Come preparare la torta bavarese vanigliata alle ciliege

La torta bavarese vanigliata alle ciliegie è una prelibatezza tutta da gustare che piace sempre a tutti. È il dessert ideale per concludere in bellezza un pranzo o una cena organizzato in famiglia in occasione di un avvenimento importante. È abbastanza...
Dolci

Come preparare lo sciroppo di ciliege

Le ciliegie sono da sempre uno dei frutti più amati dalle persone. La loro dolcezza e succosi le rendono ottime per realizzare moltissimi dolci o sciroppi con i quali rinfrescarsi durante l'Estate. Si possono trovare moltissimi prodotti a base di ciliegie...
Dolci

Come preparare la sbriciolata rum, mandorle e ciliege

La sbriciolata con mandorle e ciliegie aromatizzata al rum è un dessert particolarmente apprezzato da chi non sa resistere alle golose tentazioni di pasticceria. Ha un cuore morbido e cremoso racchiuso da una croccante copertura tutta da gustare. È...
Dolci

Come preparare il clafoutis alle ciliegie

La Francia non è solo la patria del romanticismo, dei poeti e dei pittori! Anche la pasticceria francese ha infatti sfornato dei piccoli capolavori gastronomici. Uno di questi è il soffice e goloso Clafoutis, un dessert preparato con la frutta di stagione...
Dolci

Ricetta: torta ciliegie e cioccolato

La cucina si articola in varie categorie, ognuna con le proprie regole e la propria storia, ma soprattutto con il suo insieme di ricette fondamentali che la caratterizzano. Non tutte le categorie della cucina sono adatte ad ogni occasione, è per questo...
Dolci

Ricetta: rotolo dolce con panna e ciliegie

Con l'arrivo dell'estate e il conseguente aumento delle temperature, il nostro fisico ha bisogno di rinfrescarsi e di alimentarsi con una buona quantità di acqua e di zuccheri. Cosa c'è, allora, meglio di un dolce preparato con della gustosissima frutta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.