Ricetta: agnello al mirto

Tramite: O2O 12/10/2017
Difficoltà: facile
18

Introduzione

L'agnello al mirto è un piatto tipico della Sardegna ed è caratterizzato da un sapore intenso e stuzzicante. In questa ricetta assistiamo al connubio di due specialità della tradizione sarda, la cui unione dà vita ad una pietanza unica e tra le più rappresentative della gastronomia locale. Il sapore della tenera carne d'agnello viene esaltato dalle note speziate del mirto, liquore sardo famoso in tutto il mondo ottenuto attraverso la macerazione delle bacche di una delle piante più diffuse e rappresentative della vegetazione dell'isola.

28

Occorrente

  • Un chilo e mezzo di spalla di agnello senza osso
  • Due spicchi d'aglio
  • Un bicchiere di mirto di Sardegna
  • Due cucchiai d'olio extra vergine d'oliva
  • Un rametto di mirto
  • Sale e pepe quanto basta
  • Una casseruola grande con coperchio
38

Far rosolare la carne

Ponete gli spicchi d'aglio. Il rametto di mirto e l'olio extravergine d'oliva in una casseruola antiaderente dotata di coperchio e sufficientemente grande da contenere la carne. Lasciate soffriggere per un paio di minuti, in modo da insaporire l'olio. A questo punto, mettete la spalla d'agnello intera e fatela rosolare a fiamma vivace, girandola da tutte le parti.

48

Insaporire con il mirto

Dopo pochi minuti, l'agnello avrà assunto un colorito dorato. Versate quindi nella casseruola il bicchiere di mirto di Sardegna e continuate a rosolare la carne a fiamma vivace, girandola spesso per non bruciarla, fino a che il liquore sarà evaporato quasi del tutto.

Continua la lettura
58

Far cuocere un paio d'ore

Ponete la casseruola su un fornello piccolo, accendetelo e abbassate la fiamma al minimo. Chiudete con il coperchio e lasciate cuocere per un paio d'ore durante le quali, di tanto in tanto, bisognerà girare la carne e controllare che vi sia ancora un pochino di liquido. Se dovesse essersi asciugato del tutto, non esitate a bagnare l'agnello con dell'altro liquore. Una decina di minuti prima della fine della cottura, condite con sale e pepe a seconda dei vostri gusti.

68

Controllare la consistenza

Una volta trascorse le due ore, controllate la cottura della carne provando ad infilzarla con una forchetta. Se non dovesse risultare sufficientemente morbida, richiudere con il coperchio e continuare la cottura fino a che la consistenza sarà di vostro gradimento.

78

Presentazione

L'agnello al mirto è pronto e sprigiona un profumo che fa venire l'acquolina in bocca! Spegnete il fuoco, eliminate gli spicchi d'aglio e mettete da parte i rametti di mirto per guarnire. Adesso è il momento di occuparsi della presentazione. Ponete l'agnello su un piatto piano e largo a sufficienza e, mediante l'ausilio di un coltello affilato, tagliatelo in fette spesse circa un centimetro. Disponete le fette una sull'altra su di un piatto rettangolare e lungo, bagnate con il brodo di cottura e guarnite con i rametti di mirto. Buon appetito!

88

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Carne

Ricetta: agnello scottadito

Le costolette d'agnello alla scottadito sono un piatto tipico della tradizione culinaria laziale. Il nome è tutto un programma. Infatti, indica che la carne d'abbacchio va mangiata rigorosamente caldissima, appena dopo la cottura. La ricetta originale...
Carne

Ricetta: costolette di agnello in crosta di cuscus

Per portare in tavola una cena sfiziosa e originale, perché non sfruttare la golosa versatilità del cuscus? In questa particolare ricetta, il cuscus si trasforma in prelibata panatura per le costolette d'agnello! Una preparazione semplice, ma di grande...
Carne

Ricetta: agnello pasquale alla napoletana

Nel menù del pranzo della domenica pasquale non può mancare l'agnello. Fritto, al forno o in umido, può essere cucinato in infiniti modi. Ciononostante è la tradizione culinaria napoletana che lo sa esaltare al meglio accompagnandolo con cipolline...
Carne

Ricetta: cosciotto di agnello e funghi

Il piatto che vi consiglio oggi è della tradizione culinaria della Sardegna. Un piatto che riesce a legare tra loro diversi sapori come quello della carne di agnello, del pecorino sardo e dei funghi porcini, tutti uniti dai vari aromi come la salvia...
Carne

Ricetta: agnello al vino bianco

La carne di agnello è una carne rossa che possiede molti benefici per l'organismo umano. È ricca di sostanze nutritive, come proteine, vitamine B12, ferro che in particolare quello contenuto nell'agnello, viene assorbito più facilmente dal nostro corpo....
Carne

Ricetta: cosciotto di agnello brasato

Con il termine "brasato" si intende una carne che si cuoce molto lentamente, insieme a del vino, a del brodo e a delle spezie. Il fuoco dovrà avere una temperatura media e la cottura lunga consentirà lo scioglimento del collagene della carne, con il...
Carne

Ricetta: agnello al vino rosso

L'agnello rappresenta senza dubbio un piatto classico nella tradizione culinaria italiana. Durante il periodo pasquale, quest'ultimo piatto risulta essere sempre presente sulle nostre tavole. Tuttavia, per gli amanti di questo tipo di carne attendere...
Carne

Ricetta: costolette di agnello alla brace

Chi ama la cucina è sempre alla ricerca di nuove ricette da preparare. Il più delle volte ci si butta sul sicuro e, si punta alla tradizione italiana, molto ricca e diversa di regione in regione. Nei passaggi seguenti vi illustreremo un ricetta tipica...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.