Ricetta albanese: il kabuni

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La cucina italiana è conosciuta in tutto il mondo per le tantissime ricette culinarie contenute in essa e per la bontà dei suoi piatti, infatti turisti da tutto il mondo quando arrivano nella nostra penisola tendono ad assaggiarli. C'è da dire però che anche altre nazioni possono proporre ottimi piatti che vale la pena provarli, questo è proprio il caso del kabuni, un dolce albanese che merita di essere gustato. Con la guida che vi proponiamo qui di seguito, vi spiegheremo passo dopo passo questa prelibata ricetta di questo paese europeo, prestate un'accurata attenzione così potrete soddisfare i palati di tutti i commensali che lo proveranno.

27

Occorrente

  • 100 grammi di riso
  • 4 bicchieri di acqua tiepida
  • 60 grammi di burro
  • 70 grammi di zucchero
  • 80 grammi di uvetta
  • frutta secca a scelta per decorare
  • zucchero a velo
  • cannella in polvere
  • chiodi di garofano
  • utensili da cucina
37

Il dolce Kabuni, in terra albanese è molto conosciuto ed apprezzato, esso viene preparato con vari ingredienti come il riso, il brodo di montone e l'uvetta. Volendo però si può anche sostituire il brodo di montone con della semplice acqua tiepida, ed in questa ricetta infatti useremo proprio quest'ultima, che farà in modo che il dolce in questione risulti essere anche più leggero. Il burro, che è uno degli ingredienti, andrà sciolto sul fuoco in una padella antiaderente, poi andrà versato del riso che dovrà essere bagnato con dei bicchieri d'acqua. La mescolatura del composto andrà eseguita tramite l'uso di un cucchiaio di legno.

47

Questo dolce albanese è di facile preparazione, infatti non richiede tanto tempo nella sua esecuzione, basterà regolarsi con l'acqua come viene fatto nella preparazione del riso. Il passaggio successivo poi vedrà l'uvetta essere sciacquata per essere poi versata nel riso, dove ancora una volta si proseguirà con la mescolatura, tenendo sempre conto di non far seccare il riso. Se ciò però dovesse accadere, basterà versare altra acqua tiepida mentre si continua con il cucchiaio di legno, alla fine della cottura, il riso andrà tolto dal fuoco per essere lasciato a raffreddare per almeno 15 minuti.

Continua la lettura
57

Il resto degli ingredienti, quali la frutta secca a piacere, lo zucchero, la cannella ed i chiodi di garofano, andranno versati in una ciotola dove c'è anche il riso, il composto che ne dovrà venire fuori però, dovrà essere omogeneo, la fase successiva vedrà quest'ultimo andare a riempire gli stampi fatti di silicone e di alluminio. Per almeno tre ore si dovrà far riposare il tutto e quando verrà servito in tavola il Kabuni, sarà bello decorarlo con dell'uvetta e dello zucchero a velo, ma in alternativa si potrà prendere in considerazione sia la cannella che le mandorle.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Oltre all'uvetta potete aggiungere anche la vostra frutta secca preferita come decorazione
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucina Etnica

Ricetta: sashimi di dentice

Il sashimi è una prelibatezza giapponese composta da carne cruda molto fresca o pesce tagliato a pezzi sottili. Questa prelibatezza giapponese deliziosamente semplice ma elegante è composta esclusivamente da pesce crudo molto fresco, nella nostra ricetta...
Cucina Etnica

Ricetta: Papas rellenas

Le Papas rellenas hanno origini peruviane dove rappresentano il piatto della cucina tradizionale. La ricetta delle Papas rellenas viene tramandata nelle varie generazioni subendo spesso anche delle modifiche. Ma cosa sono in realtà? Si tratta di polpette...
Cucina Etnica

Ricetta: cocido madrileño

La cucina non deve soltanto rappresentare piatti tradizionali. Ma, anche una sorta di conoscenza verso altri paesi. Esistono ricette che quasi mai, si può immaginare di poterle preparare. Poiché, la loro realizzazione può risultare difficile. Un altro...
Cucina Etnica

Ricetta vietnamita: come preparare il lahuh

Gentili lettori, all'interno della guida che seguirà andremo a parlare di cucina, dedicandoci ad una ricetta vietnamita. Andremo infatti a spiegare come preparare il lahuh.Ma come si fa a preparare il lahuh, tipica ricetta vietnamita?Proveremo ad illustrare...
Cucina Etnica

Ricetta: cuscus con pollo e cipollotti

Quando si parla di cucina sappiamo bene che, per impressionare i nostri commensali e realizzare pranzi e cene all'insegna del gusto e dell'originalità, è davvero fondamentale sperimentare manicaretti sempre nuovi e ricchi di sapore. Oggi vi proponiamo...
Cucina Etnica

Ricetta: frittelle con farina di ceci

Le frittelle con farina di ceci sono un piatto salato tipico del sud Italia ma apprezzato in tutta la penisola. La ricetta è semplice, economica, richiede pochi ingredienti e una veloce cottura. Tuttavia, questa semplicità è compensata sia dal gusto...
Cucina Etnica

Ricetta: pollo caramellato allo zenzero

Se volete cimentarvi nella preparazione del pollo cucinandolo in un modo diverso dal solito, in questa guida troverete la descrizione di una deliziosa ed originale ricetta, da preparare in pochi e semplici passi. La ricetta in questione è quella del...
Cucina Etnica

Ricetta: i takoyaki

I takoyaki sono una ricetta Giapponese che ha come ingrediente principale il polpo. Per la sua preparazione nono necessari ingredienti che non sono facilmente reperibili in Italia, per questo motivo elencherò un metodo di preparazione leggermente variato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.