Ricetta: astice con verza e salsa allo scalogno

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L’astice, da non confondere con l’aragosta, è un crostaceo molto pregiato e dal costo piuttosto elevato, sia che esso venga venduto fresco che congelato. Di sapore piuttosto simile a quello dei gamberi e degli scampi, è molto saporito qualsiasi sia il metodo di cottura designato: alla griglia, gratinato, lesso o come condimento per i primi piatti (come gli spaghetti all'astice) mantiene pressoché invariata la sua delicatezza e il suo gusto. Nella ricetta di seguito vedremo come preparare l’astice accompagnandolo con il cavolo verza e una salsa allo scalogno.

27

Occorrente

  • Mezzo cavolo verza
  • 600 gr di astice
  • 2 porri
  • 1 confezione di panna da cucina
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • 2 scalogni
  • 100 gr di funghi champignon
  • Sale
  • Olio extravergine di oliva
  • Due filetti di alici sott'olio
37

Come prima operazione dobbiamo occuparci di aprire l’astice: rivoltiamolo sulla schiena e aiutandoci con un coltello appuntito incidiamo il carapace nel senso della lunghezza, partendo da circa la metà (dove si trova il punto più molle) e proseguendo dapprima verso la coda e poi verso la testa, sino a ottenere due metà simmetriche.

47

Ora procediamo con la preparazione della verza: eliminiamo le foglie più esterne e dure, quindi dividiamo il cavolo in due parti e affettiamolo a striscioline sottili, che metteremo a bagno per eliminare eventuali residui di terriccio. A questo punto mondiamo i porri, affettiamoli a rondelle e facciamoli rosolare in una padella insieme a due cucchiai d’olio extravergine d’oliva, aggiungendo anche due filetti di alici sott'olio, sino a che non saranno ben appassiti e morbidi, quindi uniamo anche la verza che nel frattempo avrà scolato dall'acqua di cottura e facciamo cuocere a fiamma viva per circa dieci o quindi ci minuti di tempo girando il tutto in modo che la cottura risulti uniforme.

Continua la lettura
57

Ora affettiamo lo scalogno piuttosto finemente e facciamolo rosolare in una padella ampia e dai bordi alti, sino a che non sarà dorato. A questo punto aggiungiamo anche il vino sino a ricoprire la superficie dello scalogno e facciamo sfumare a fiamma bassa, mescolando di tanto in tanto, quindi quando sarà evaporato quasi del tutto uniamo anche la panna da cucina e facciamo restringere sino a raggiungere una consistenza cremosa: ora possiamo spegnere la fiamma.

67

Prendiamo l’astice che nel frattempo avrà scolato e facciamolo rosolare per qualche minuto in una padella insieme a un filo d’olio d’oliva, girandolo perché cuocia bene su ogni lato, quindi estraiamolo dalla padella e aiutandoci con un martello o con un comune schiaccianoci apriamone le chele per estrarne la polpa contenuta all'interno. Compiuta questa operazione possiamo servire in tavola, impiattando prima la verza, quindi l’astice e infine la salsa, che farà da collante tra i due sapori.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se l’astice non ha un colore vivace o emana un cattivo odore evitiamo di acquistarlo: sono entrambi segni di scarsa freschezza.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Ricetta: tagliolini all'astice

Appartenente alla famiglia dei crostacei, l'astice è tra i più preziosi regali offertici dal mare. Si può cucinare per dar sapore deciso ai primi ma anche ai secondi piatti. Inoltre si può consumare da solo con condimenti semplici, quali ad esempio...
Primi Piatti

Come fare i tagliolini al sugo di astice

I tagliolini al sugo di astice sono un primo piatto molto gustoso e facile da realizzare. Visto il prezzo dell'astice non è possibile prepararlo spesso, magari nelle occasioni davvero speciali o per un Capodanno tete a tete. Con un primo così, scegliamo...
Primi Piatti

Ricetta: maltagliati con fagioli e astice

I maltagliati con fagioli ed astice è un piatto tradizionale cruel-free, che non necessita di tagliare l'astice vivo sul piano di lavoro. La salsa d'ostriche conferisce al piatto il profumo del mare, ma senza eclissare il sapore delicato del crostaceo....
Pesce

5 ricette facili per cucinare l'astice

In questo articolo vi illustrerò 5 ricette facili per cucinare l'astice. L'astice rappresenta un'ottima alternativa all'aragosta. L'astice deve essere sempre di buona qualità, che sia fresco oppure surgelato. Nei passi successivi vi fornirò qualche...
Pesce

Come cucinare un astice con pomodorini

Gentilissimi lettori, nella guida che seguirà parleremo volentieri di cucina, dedicandoci ad una ricetta che, immagino, faccia venire l'acquolina in bocca alla maggior parte di voi. Infatti, come avrete letto dal titolo, ci dedicheremo a spiegare passo...
Pesce

Ricetta: astice al forno con provola

La bella stagione risveglia dolcemente il desiderio di trascorrere le nostre giornate all'aria aperta, assaporando il dolce tepore del sole. Perché allora non inaugurare l'arrivo dell'estate con un delizioso pranzo all'aperto in stile marinaro? Per portare...
Pesce

Come preparare l'astice al pistacchio

I piatti a base di pesce e frutti di mare sono una prelibatezza e, allo stesso tempo, un toccasana per la salute. Il pesce è un alimento sano, leggero, ricco di proteine e grassi "buoni". È consigliabile inserirli nella propria dieta per più volte...
Pesce

Come tagliare l'astice

Il pesce rappresenta certamente uno degli alimenti principali su cui si basa la cucina italiana. Sono tantissime infatti le tipologie di pesce adoperate per la preparazione di numerosissime e gustose ricetta. Tra i tipi di pesce più utilizzati in ambito...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.