Ricetta: crema di mascarpone al kiwi

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

La cucina italiana viene apprezzata in tutto il mondo per i suoi ingredienti semplici, ma molto variegati. Dagli antipasti al dolce è un susseguirsi di sapori che soddisfano i palati più intransigenti. Grazie alla globalizzazione, la tradizione culinaria italiana si arricchisce di nuovi ingredienti per delle gustosissime variazioni delle più classiche ricette. Da ormai molto tempo abbiamo fatto nostro il frutto dai mille pregi: il kiwi. Si utilizza molto per la preparazione di torte e crostate. Il tipico colore, prevalentemente verde, è molto scenografico. Ma la sua peculiarità è il contenuto di vitamina C, che non ha bisogno di presentazione, per i suoi molteplici benefici sul benessere fisico. In questa guida, invece proponiamo una ricetta prelibata e velocissima, adatta per ogni occasione: la crema di mascarpone al kiwi.

26

Occorrente

  • 4 kiwi sodi e maturi
  • 300 g di mascarpone
  • 100 g di zucchero
  • 4 tuorli d'uovo
36

Preparazione veloce

La crema di mascarpone al kiwi è facile da preparare occorrono solo dieci minuti. Contiene cinquecentosessanta chilo-calorie (2343 kj), a porzione, gli ingredienti indicati sono per quattro persone. Possiamo variare il dolce scegliendo altri frutti come le fragole ed il ribes. Gli ingredienti devono essere freschissimi, soprattutto le uova.

46

Procedimento

Per cominciare la preparazione della crema di mascarpone al kiwi, facciamo quanto segue. Sbucciare i kiwi e tagliarli a pezzetti. Lasciare da parte qualche fetta per frullarli. Sbattere i tuorli con lo zucchero fino a quando risultano spumosi e chiari. Per ottenere un buon risultato le uova vanno portate a temperatura ambiente. Toglierle dal frigo un'ora prima dell'utilizzo. Unire il mascarpone e mescolare bene. Incorporare i kiwi frullati. Distribuire in 4 coppette, decorare con le fette di kiwi e servire. Il kiwi o actinidia è una pianta di origine cinese, dove vive allo stato spontaneo nelle valli del fiume Yang-Tse-Kiang.

Continua la lettura
56

Breve storia del kiwi

La storia dell'entrata dell'actinidia sul territorio italiano è sconosciuta. Si sa solo che verso il 1934 nel catalogo di un'azienda florovivaista di Catania apparve per la prima volta questa nuova pianta. Verso il 1966 vennero messe a dimora sulle rive del lago Maggiore alcune piante. I veri e propri impianti nacquero solo attorno al 1970 in Romagna, Veneto, Piemonte, Friuli, Lazio, Marche e Trentino. Il numero delle specie finora conosciute dell'actinidia sono 36. La specie che dimostra le migliori caratteristiche per la coltivazione è l'actinidia deliciosa. Il kiwi lo si può utilizzare al momento. Oppure lo si può conservare, essiccare o surgelare. Il contenuto di vitamina C è molto elevato nell'actinidia. Basterebbe un solo frutto per coprire il fabbisogno giornaliero del nostro corpo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Potreste cambiare frutto per ottenere una variante altrettanto gustosa e deliziosa
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Ricetta: tramezzini al mascarpone

Organizzare un pranzo o una cena per un'occasione speciale, è un'operazione che richiede moltissimo tempo ed impegno. Spesso, il menù del pasto è sempre ben definito, anche se l'antipasto ed il dessert sono sempre un gran dilemma. In questa ricetta,...
Antipasti

Ricetta: bignè con crema di gorgonzola e limone

Con la moderna tendenza di preparare il cibo finger food, ossia mangiato con le mani, vengono fuori un'infinità di ricetta carine ed assai sfiziose da gustare. Sia per quanto riguarda il dolce che per il salato, sono tante le ricette che si fanno anche...
Antipasti

Ricetta: crumble salato con crema di formaggi, tartufo e pomodori secchi

Il crumble salato con crema di formaggi, tartufo e pomodori secchi è una ricetta molto originale ma allo stesso tempo molto semplice da preparare. Spesso il crumble si pensa solamente come un piatto dolce, ma può essere riadattato anche come piatto...
Antipasti

Ricetta: crema di gamberi e aragosta

La crema di gamberi e aragosta può essere usata per preparare ottimi antipasti per una cena a base di pesce. Sopratutto in occasione di particolari eventi antipasti alla crema di gamberi sono ottimi da servire a tavola. La ricetta che verrà descritta...
Antipasti

Ricetta: crumble salato con crema di formaggi e funghi

Il crumble è un piatto che vanta un'infinità di preparazioni. Ha una tradizione molta antica e lo potete fare sia dolce che salato. Inoltre, è possibile aggiungerlo in qualsiasi tipo di menù. Per poi, presentarlo per qualsiasi occasione. Arricchendolo...
Antipasti

Ricetta: spiedini di zucchine con crema di noci

Per stuzzicare l'appetito dei nostri commensali, perché non deliziarli con un rinfrescante aperitivo accompagnato da dei golosi spiedini di zucchine con crema di noci? Una preparazione semplice, veloce ed estremamente sfiziosa! La croccante consistenza...
Antipasti

Ricetta: bignè alla crema di asparagi e capperi

Se dovete preparare una cena che comprende degli antipasti originali, allora provate a fare dei bignè. Un modo per farli diventare saporiti, è quello di farcirli con della crema di asparagi e capperi. Inoltre, possono risultare perfetti adoperandoli...
Antipasti

Ricetta: crema di broccoli e prosciutto

La ricetta della crema di broccoli e prosciutto è da tenere sempre a portata di mano in quanto vi tornerà molto utile, soprattutto in serate in cui gli ospiti aspettano e il nostro tempo scarseggia. Si tratta di una vera e propria ricetta salva cena....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.