Ricetta: garganelli al ragù di pecora

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Quando diciamo "pasta", diciamo allo stesso tempo "cucina italiana". Se esiste un alimento tipico della nostra identità, infatti, questo è certamente la pasta. La sua qualità dipende in larga parte dalla bontà delle materie prime in uso. Ci vuole il miglior grano per un prodotto valido e gustoso, ricco di aromi. Ma ogni ricetta si trasforma in un piatto unico grazie alla varietà degli ingredienti. Un primo di pasta si può valorizzare con tanti sapori differenti. Possiamo preparare condimenti a base di verdure, perfetti per tutti i gusti. Possiamo utilizzare il pesce e i frutti di mare. Naturalmente, anche i sughi di carne rientrano nel grande insieme delle possibilità. E noi ne proponiamo uno di gran gusto: il ragù di pecora. Grazie a questa ricetta prepareremo dei saporitissimi garganelli.

25

Occorrente

  • 350 gr di garganelli
  • 500 gr di carne di pecora
  • 2 spicchi di aglio
  • Mezza cipolla bianca
  • 2 carote
  • 1 gambo di sedano
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • 500 gr di polpa di pomodoro
  • 200 ml di vino rosso
  • Prezzemolo fresco tritato
  • Pecorino grattugiato
35

Garganelli

I garganelli sono una pasta all'uovo tipica dell'Emilia-Romagna. La loro caratteristica sono delle striature in superficie, adatte a trattenere i condimenti. Per questo motivo sono perfetti per una ricetta come la nostra. La carne di pecora è succulenta ed estremamente saporita. Con essa possiamo preparare un ragù dal gusto deciso e caratteristico. Ma partiamo con ordine. Tagliamo la carne di pecora in piccoli dadini. Non dovremo macinarla. Sarà sufficiente un coltello ben affilato per avere cubetti di carne di piccole dimensioni. Scaldiamo un filo d'olio d'oliva in un tegame ampio, dal fondo spesso.

45

Fiamma viva

Versiamo la carne nel tegame e rosoliamola a fiamma viva. Dovremo dorarla per bene senza cuocerla del tutto, perciò mescoliamo spesso. Dunque prepariamo un trito di verdure, partendo dalla cipolla. Sbucciamola ed eliminiamo lo strato più duro e superficiale, quindi tritiamola. Facciamo altrettanto con sedano e carote, poi uniamo il trito alla carne di pecora. Mescoliamo il tutto e rosoliamo per alcuni istanti. Infine tritiamo due spicchi di aglio e uniamoli per ultimi. Aggiungiamo quindi il vino rosso, che darà più aroma al ragù di pecora. Mescoliamo a fondo, dunque abbassiamo la fiamma. Lasciamo asciugare il ragù e aggiungiamo la polpa di pomodoro con mezzo bicchiere di acqua.

Continua la lettura
55

Prezzemolo tritato

Aggiungiamo al ragù il prezzemolo tritato. Mescoliamo ancora e regoliamo di sale. Copriamo finalmente con il coperchio. Il ragù di pecora dovrà cuocere a lungo, a fiamma bassa, per almeno 4 ore. Di tanto in tanto dovremo mescolare il sugo per evitare che si attacchi al fondo. Con il ragù pronto dedichiamoci ai garganelli. Portiamo a bollore una pentola d'acqua e saliamola. Cuociamo dunque i garganelli, lasciandoli al dente. Scoliamoli e condiamoli con abbondante ragù di pecora. Completiamo il piatto con una generosa spolverata di pecorino grattugiato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Ricetta: garganelli alla norma

I garganelli sono un tipo di pasta all'uovo, originario dell'Emilia Romagna. La loro forma è molto caratteristica. Vengono infatti ottenuti piegando uno straccetto di pasta. In questo modo si ottiene una sorta di cilindro aperto ed appuntito su entrambi...
Primi Piatti

Ricetta: campanelle con ragù di maiale alla friulana

Le campanelle sono un tipo di pasta che si distingue per la sua forma accattivante. È molto simile ai classici "garganelli", con i bordi leggermente aperti come un petalo (da qui il nome) e vuoto al centro. Questa loro caratteristica rende le campanelle...
Primi Piatti

Come preparare i garganelli con crema di pecorino ai broccoli

Dall'Emilia Romagna arrivano diversi tipi di pasta. Tra le più buone e gustose c'è indubbiamente la specie chiamata "garganelli". I garganelli sono un tipo di pasta all'uovo, con la forma simile alle penne e sono anche rigati. Hanno una lunga storia...
Primi Piatti

Come preparare i garganelli con melanzane e pomodorini

Se desiderate proporre in tavola un piatto gustoso ma semplice da preparare, allora questa guida è ciò che fa al caso vostro. Nei successivi passaggi, infatti, vi illustrerò come preparare dei dei deliziosi garganelli con melanzane e pomodorini. Essi...
Primi Piatti

Ricetta: cannelloni al ragù bianco

La gastronomia italiana è un tripudio di sapori e profumi legati alle tradizioni culinarie di ogni regione. Un classico del pranzo domenicale sono sicuramente i cannelloni. A rendere davvero speciale questa ricetta è il ripieno. La variante classica...
Primi Piatti

Garganelli con scamorza e prosciutto cotto

Preparare i garganelli con scamorza e prosciutto cotto è molto semplice, in quanto richiede al semplice preparazione della pasta fresca, mentre prima i condimenti si necessita solo della preparazione dei due ingredienti da tagliare e aggiungere a termine...
Primi Piatti

Ricetta: Calamarata con ragù di pesce spada

La calamarata è un tipo di pasta di origine partenopea. Nelle regioni del sud Italia si usa condirla in modi diversi ma soprattutto con il pesce. In particolare la calamarata con ragù di pesce spada è una ricetta saporita e ottima per il pranzo domenicale....
Primi Piatti

Ricetta: bucatini al ragù di verdure

Il ragù è il classico piatto domenicale, che viene preparato attraverso una antica ricetta della tradizione italiana. Il ragù viene preparato in genere con la carne di maiale, e viene fatto bollire per ore, in modo da rendere la carne morbida ed il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.