Ricetta: giardiniera sott'aceto

tramite: O2O
Difficoltà: media
Ricetta: giardiniera sott'aceto
16

Introduzione

Se siete persone che curano molto il proprio orto e la propria terra, vi capiterà sicuramente che avrete una "sovrapproduzione" di ortaggi. Spesso, in questi casi, questi ultimi finiscono per marcire, non sapendo come usarli. Ma perché non utilizzarli per preparare una giardiniera sott'aceto? La particolarità di questo alimento è che può essere preparato in qualsiasi stagione dell'anno, ma è preferibile comunque prepararlo in primavera, in modo tale da poter utilizzare ortaggi freschi. Oltre a poter essere preparato praticamente sempre, esso può fungere da antipasto, può essere inserito in insalate di riso e per la pasta fredda, oppure come contorno di carne o pesce per dare un tocco di colore alle pietanze. Vediamo insieme questa ricetta!

26

Due metodi.

La giardiniera sott'aceto può essere fatta con tutte le verdure di stagione e, per essere preparata in casa, si possono utilizzare prevalentemente due metodi. I primi passaggi del primo metodo, sono la pulizia e il risciacquo delle cimette di cavolfiore; pelate le carote e mondate le zucchine, i peperoni e il sedano. Tagliate tutte queste verdure a rondelle o alla julienne (il taglio alla julienne è un tipo di taglio che consiste nel tagliare l'ortaggio in filetti o fiammiferi), sbucciate la cipolla e affettatela. Ponete sul fuoco una pentola e aggiungete le verdure, non dimenticando di lasciare da parte il cavolfiore, i cetrioli e i peperoni, dato che cuociono in molto meno tempo rispetto alle altre verdure. Incorporate quindi le ultime verdure negli ultimi 10 minuti di cottura. Ora non vi resta che togliere le verdure dalla pentola, in modo tale che esse si raffreddino.

36

Ultimi passaggi del primo metodo.

A questo punto, prendete i barattoli con dentro la giardiniera e lavateli con molta cura, dopo di che ricoprite il tutto con l'aceto di cottura. Per la chiusura, state attenti ad usare la pellicola e poi chiudere il tappo (in questo modo eviterete qualsiasi foro che permetta l'entrata di aria). Prendete nuovamente una pentola in acciaio capiente e fate bollire i barattoli per circa 30 minuti. Spegnete il fuoco e attendete che l'acqua sia fredda prima di toglierli dalla pentola. Mi raccomando, mangiate la giardiniera solo dopo che sia trascorsa almeno una settimana.

Continua la lettura
46

Secondo metodo.

Il secondo metodo riguarda la preparazione di verdure in coppia. Inserite melanzane e pomodori verdi o i peperoni (dopo aver tagliato tutto a listarelle) in un recipiente (preferibilmente fornito di bordi alti) e aggiungete mezzo chilo di sale grosso, l'aceto, il finocchio selvatico e, a questo punto, mescolate il tutto, in modo tale da formare un impasto più o meno omogeneo. Posizionate sul fondo un coperchio con un peso al di sopra e lasciate che perdano l'acqua per circa tre giorni. A questo punto, inserite il tutto nei barattoli aggiungendo l'aglio, coprite con l'olio fino al bordo e chiudete. Anche in questo caso, bisognerà aspettare prima di consumarla (questa volta meno, circa 5 giorni). Spero che questa guida sia stata chiara, detto ciò, in bocca al lupo per la preparazione e buon appetito!

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' bene consumare la giardiniera sott'aceto al massimo per 1 mese, perchè l'aceto continua a cuocere le verdure, che con il tempo diventano molli.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Come preparare i pomodori verdi sott'aceto

Molto spesso risulta piuttosto utile avere in casa delle conserve di cibi che possono essere mangiate in qualsiasi momento. I pomodori verdi sott'aceto possono essere una buona soluzione da consumare per degli aperitivi o come semplice contorno. Nella...
Antipasti

Come preparare i fagiolini sott'aceto

Nel periodo estivo, specialmente nei giorni di afa, è sempre consigliabile mangiare del cibo fresco. Specialmente le insalate sono fortemente consigliate, dato che sono un cibo fresco come detto in precedenza, e soprattutto, contengono molti sali minerali...
Antipasti

Come preparare la giardiniera all'olio d'oliva

Se siete alla ricerca di antipasto da leccarsi i baffi, la giardiniera all'olio di oliva farà certamente al caso vostro. Questa ricetta, infatti, stupirà i convitati e se ne avanzerà, potrete conservarla in un contenitore ermetico per utilizzarla...
Antipasti

Conserve: funghetti sott'aceto

Le nostre nonne avevano l'abitudine di realizzare dei buonissimi barattoli di conserve. Questa abitudine, purtroppo, sta sparendo, anche a causa delle conserve già pronte che è possibile trovare in ogni supermercato. Ma la genuinità delle conserve...
Antipasti

Come preparare la giardiniera di verdure miste

La giardiniera di verdure miste è un goloso antipasto che però può essere messo in tavola anche per accompagnare il bollito misto o altre specialità a base di carni lessate. È ottima da gustare appena preparata ma può essere conservata senza problemi...
Antipasti

Ricetta: acciughe all'aceto

Se siete in procinto di organizzare una cena con amici e parenti e avete voglia di preparare qualcosa di sfizioso e a base di pesce, allora ecco per voi una ricetta molto semplice, gustosa e dalla facile esecuzione. Nello specifico vedremo come preparare...
Antipasti

Come fare le verdure sottoaceto

IN questo articolo si vuole parlare di un argomento alquanto diffuso e cioè quello del come fare a casa prorpia le verdure sott'olio, in maniera tale da poterle conservere ed utilizzarle quando se ne avrà maggiormente bisogno ed anche desiderio. Si...
Antipasti

Come conservare il sedano sott'olio

Generalmente la raccolta del sedano avviene in estate e in autunno; è una pianta biennale che viene coltivata a ciclo annuale. Cresce spontanea nei luoghi erbosi e palustri e, ha foglie dal tipico odore e sapore aromatico, dovuto alla sedanina. In inverno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.