Ricetta: gnocchetti al cavolo nero con fonduta di taleggio

tramite: O2O
Difficoltà: media
Ricetta: gnocchetti al cavolo nero con fonduta di taleggio
16

Introduzione

Tra i tanti piatti che possono essere serviti in tavola come alternativa alla classica pasta, gli gnocchi detengono un posto d'onore poiché piacciono quasi sempre a tutti, grandi e piccini. Oltre ad essere molto gustosi e leggeri gli gnocchi sono anche facili da preparare. Qui di seguito vi insegno una ricetta molto particolare: gnocchetti al cavolo nero con fonduta di taleggio. Questi gnocchi hanno la prerogativa di essere preparati con lo squisito cavolo toscano, noto proprio per il suo colore scuro. La morbida fonduta di formaggio rende questo piatto delizioso e particolare, garantendovi il successo con i vostri familiari ed invitati. Adesso infilatevi il grembiule e preparate questo gustosissimo primo piatto.  

26

Occorrente

  • Sette etti di patate a pasta gialla, due etti di farina, due etti e mezzo di taleggio, due decilitri di latte, tre etti e mezzo di cavolo nero, sale, pepe,
36

Prima di cominciare la preparazione degli gnocchi, lavate con molta cura le foglie di cavolo, dopo averle private della costa. Per assicurarvi di eliminare dal cavolo ogni traccia di impurità aggiungete all'acqua del lavaggio un cucchiaino di bicarbonato. Una volta lavate le foglie, mettetele a bollire per venti minuti circa in una pentola capiente. Se dopo questo tempo le foglie vi sembrano ancora dure prolungate la cottura di dieci minuti, quindi toglietele dall'acqua, strizzatele e tritatele finemente.

46

Nel mentre, fate lessare le patate sbucciate per circa trenta minuti, quindi scolatele e schiacciatele molto bene con una forchetta o con l'apposito attrezzo. Quando le patate sono ridotte in purea, mischiatele alla farina ed alle foglie di cavolo tritate, cercando di miscelare bene tutti gli ingredienti. Dovete ottenere un impasto abbastanza asciutto da non attaccarsi alle mani. Se occorre, aggiungete un po' di farina. Formate dei cordoncini e tagliateli con un coltello in modo da ottenere gli gnocchi. Lasciateli asciugare un po' sopra un canovaccio pulito e nel frattempo preparate la fonduta.

Continua la lettura
56

Tagliate il taleggio a dadini regolari dopo averlo privato della crosta e fatelo sciogliere in un pentolino con il latte, dopo avere incorporato un cucchiaino di farina. Fate cuocere la fonduta a fuoco basso per circa cinque minuti, aggiungendo un pizzico di sale ed uno di pepe nero. Mettete a bollire una pentola di acqua salata e fate cuocere gli gnocchetti fino a quando vengono a galla. A questo punto toglieteli dal fuoco e metteteli in una ciotola. Conditeli con la fonduta di taleggio e servite caldissimo, accompagnando questo piatto con un bicchiere di vino rosso corposo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se amate i sapori forti aggiungete alla fonduta un etto di formaggio gorgonzola tagliato a pezzetti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Come preparare le tagliatelle integrali con scarola e fonduta di taleggio

La pasta fresca fatta in casa permette di portare in tavola primi gustosi, all'insegna della buona cucina e della tradizione. Nella ricetta che segue troverete un'interessante variante del classico impasto, che vi consentirà di preparare delle tagliatelle...
Primi Piatti

Ricetta: minestra di cavolo nero

Durante i periodi invernali è bene assumere i più svariati tipi di cibi, in modo tale da assicurarsi il giusto nutrimento quotidiano e, perché no, anche diverse proprietà e benefici. Non tutto quello che mangiamo, in effetti, contiene delle proprietà...
Primi Piatti

Ricetta: Bigoli al cavolo nero

Volete cucinare un primo piatto semplice, gustoso e nutriente? Se la risposta è sì, allora potreste cimentarvi nella preparazione della pasta al cavolo nero. Il cavolo nero è un ortaggio caratterizzato dalle numerose proprietà nutrienti e da un sapore...
Primi Piatti

Ricetta: risotto saporito con foglie di cavolo nero

Il cavolo nero è una varietà del cavolo coltivata soprattutto in Toscana. Si tratta di una pianta invernale costituita da lunghe foglie carnose e grinzose di colore verde scuro. Questo ortaggio è apprezzato non solo per il suo gusto, più dolce e meno...
Primi Piatti

Ricetta: zuppa di cavolo nero

La zuppa di cavolo nero è uno dei piatti più antichi e gustosi dell'antica tradizione culinaria toscana. La preparazione di questa prelibatezza dal sapore rustico richiede circa tre ore e la presenza molte verdure e molti legumi da tenere in ammollo...
Primi Piatti

Come fare la zuppa di cavolo nero

Il cavolo nero è una verdura che si caratterizza per le foglie di colore alquanto scuro e dotate di differenti bolle. Si distingue, inoltre, dagli altri tipi di cavolo perché non ha la consueta forma rotonda. È universalmente riconosciuto come fonte...
Primi Piatti

Come cucinare la zuppa di cavolo nero e ceci

Di origine toscana, la zuppa di cavolo nero e ceci è un primo piatto nutriente e gustoso particolarmente adatto anche a chi segue una dieta vegana. Se da una parte i ceci sono infatti una importante fonte di energia, proteine e fibre in grado anche di...
Primi Piatti

Come preparare il pesto di cavolo nero

Se volete realizzare una salsa davvero gustosa e dal sapore originale potete senza dubbio orientarvi sul pesto di cavolo nero. Si tratta di una ricetta piuttosto comune che conferisce ai piatti un gusto unico e può essere utilizzata per la preparazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.