Ricetta: il Migliaccio Napoletano

Tramite: O2O 04/03/2017
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Se decidete di fare una festa di Carnevale e volete stupire gli ospiti sia grandi che piccini, potete fare il migliaccio ossia un dolce molto gustoso e particolare. L'elaborazione della ricetta è piuttosto semplice, richiede pochi ingredienti e soprattutto non bisogna essere degli abili pasticcieri. In questa guida, vediamo quindi in pochi e semplici passi come realizzare il Migliaccio Napoletano.

26

Occorrente

  • semolino 300 g, latte litri 1, vaniglia 1 busta, burro q.b., acqua 1/4, uova intere 5, zucchero 300 g., ricotta 400 g. limone una raspatura, arancia una raspatura, sale un poco.
36

Innanzitutto dovete procurarvi tutti gli ingredienti per realizzare il migliaccio, dopodichè mettete sul fuoco una pentola con il 50% di latte intero e il 20% di acqua, e portatela poi ad ebollizione. A questo punto versate lentamente e con un colino il semolino, e cuocetelo per circa 5 minuti mescolando continuamente con un cucchiaio di legno per evitare la formazione di eventuali grumi. Il semolino però assorbe molta acqua, per cui se durante la cottura tendesse a seccarsi troppo, allora versate dell'altro latte sempre misto a dell'acqua calda, e potete considerarlo cotto solo quando assume una consistenza simile ad una crema.

46

Fatto ciò, versate il semolino in un recipiente di vetro e lasciatelo raffreddare per almeno un'ora. In un?altra scodella invece versate lo zucchero con le uova intere, e sbattete il tutto con un frullino elettrico o in mancanza con uno manuale fino a farlo diventare molto soffice. Adesso prendete la ricotta e passatela in un setaccio perché deve diventare molto fine, dopodichè versatela nel composto di uova e zucchero, e poi aggiungeteci sia la buccia grattugiata di un limone che alcuni pezzettini e una busta di vanillina. Mescolate bene il tutto, ed aggiungeteci poi il composto nel semolino girando sempre con un cucchiaio di legno. Quando vedete che tutti gli ingredienti si sono ben amalgamati tra loro, allora il migliaccio può considerarsi pronto.

Continua la lettura
56

Adesso prendete una tortiera ed imburratela sia sul fondo che sui laterali, e poi versateci della farina e infine il composto, livellandolo con una spatola per dolci. Mettete il dolce a cuocere nel forno precedentemente riscaldato a 180° per circa 40 minuti. Toglietelo dal forno quando la superficie assume un aspetto dorato, ed una volta raffreddato riponetelo in un piatto da portata ricoprendolo con un'abbondante spolverata di zucchero a velo. Infine, questo dolce deve essere servito freddo insieme a un liquore dolce, mentre se si tratta di bambini può essere accompagnato da un bicchiere di latte o di cioccolata calda.

66

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Come preparare il migliaccio dolce con gli spaghetti

La cucina italiana viene invidiata da tutto il mondo, grazie alla propria varietà di sapori. Dagli antipasti fino ai dolci esistono svariate ricette culinarie provenienti da qualsiasi angolo del nostro Paese. Un piatto comune a tutte le Regioni italiane...
Dolci

Ricetta natalizia col Bimby: casetta di pan di zenzero

La casetta di pan di zenzero è un dolce tradizionale natalizio. Tipico del Nord Europa e degli USA, viene molto apprezzato da grandi e piccini, ma la preparazione richiede tempi abbastanza lunghi. Tuttavia col Bimby il lavoro viene notevolmente alleggerito....
Dolci

Come preparare gli autentici babà napoletani

Il babà, insieme alla sfogliatella, rappresenta il classico dolce napoletano. Si dice che per mangiare una prelibatezza tipica di un posto ci si debba recare necessariamente lì, ma noi non siamo affatto d'accordo ed ecco che quindi vogliamo proporvi...
Dolci

Ricetta: torta di noci e caffè

Quando si hanno degli ospiti a cena una buona idea è quella di preparare una torta che stuzzichi il palato degli invitati. Di seguito approfondiremo la preparazione della ricetta della torta di noci e caffè. Il sapore di questa torta ricorda molto quello...
Dolci

Pasta di mandorle: la ricetta siciliana

La pasta di mandorle è una specialità siciliana ormai nota in tutto il mondo. Oltre la metà delle mandorle italiane sono prodotte in Sicilia, e non a caso la pasticceria dell'isola, si è specializzata in dolci a base di pasta di mandorle. Le sue origini...
Dolci

Ricetta: sfogliatelle alla ricotta dolce

All'interno della guida che andremo a sviluppare lungo i passi sette passi che comporranno questa guida, ci occuperemo di cucina, in quanto vi spiegheremo la preparazione di un'ottima ricetta: le sfogliatelle alla ricotta dolce. Cominciamo immediatamente...
Dolci

Come preparare il porridge con la ricetta light

Il porridge è un classico delle colazioni anglosassoni, e di per se sarebbe una ricetta piuttosto leggera se non fosse per tute le aggiunte di frutta secca e mele che spesso vengono fatte per partire di slancio. Per chi vuole alleggerire un po' le proprie...
Dolci

Ricetta: pan brioche al burro

Un modo speciale per riuscire ad attirare l'attenzione per la colazione è semplicissimo. Basta preparare un soffice pan brioche al burro. Questo è il metodo ideale per risvegliare l'appetito, sopratutto ai bambini. Un pane dolce fatto in casa che ricorda...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.