Ricetta: la zuppa inglese

tramite: O2O
Difficoltà: media
Ricetta: la zuppa inglese
16

Introduzione

Tra i dolci più golosi e celebri tra il vasto ventaglio di opzioni, la zuppa inglese ricopre certamente un posto di rilievo. La zuppa inglese è un dolce morbido al cucchiaio, originario dell'Inghilterra e adattato ai gusti del "palato italiano"! Il dolce zuppa inglese è preparato con crema pasticcera classica e al cacao intervallata da strati di fragranti savoiardi, oppure, in alternativa, da pan di spagna inzuppati nell'Alchermes. Nella ricetta di seguito, spiegheremo passo dopo passo come procedere con la preparazione di questo dolce delizioso e gradito da tutti i palati. Buon lavoro e buon appetito!

26

Occorrente

  • 2 uova intere + 6 tuorli
  • 275 gr di zucchero
  • 20 gr di farina
  • 300 ml di latte
  • 150 gr di gocce di cioccolato
  • scorza di limone (o essenza di vaniglia)
  • savoiardi qb
  • 200 ml di acqua
  • 100 ml di alchermes
  • 100 gr di zucchero
36

Per la preparazione di questo dolce, ecco come procedere. Per prima cosa, come è sempre consigliabile fare quando si prepara qualcosa da mangiare, sia esso dolce oppure salato, è quella di preparare tutti gli ingredienti e tenerli a portata di mano. Dopo di ché possiamo passare alla preparazione. Prendete un pentolino, il latte, lo zucchero e la farina. Mescolare con una frusta in un pentolino a fondo alto le uova, il latte, lo zucchero e la farina. Accendere il fornello e a fuoco dolce fate addensare la crema. Dividere la crema, che ormai sarà densa in due pentolini. In uno aggiungete le gocce di cioccolato fondente e mescolate finché saranno completamente sciolte.

46

Prendete una pirofila che possa contenere la dose di dolce per sei persone. A questo punto bagnate i savoiardi (oppure il pan di spagna se avete optato per quest'ultimo) con la bagna e metteteli con la parte dello zucchero rivolta verso il basso; dovete coprire l'intero fondo per cui se è necessario spezzettateli a misura per creare una base perfettamente compatta.

Continua la lettura
56

Adesso prendete la crema pasticciera gialla e coprite con la metà della quantità, livellandola in modo uniforme per coprire ben bene tutti i biscotti. Inzuppate i savoiardi e sistemateli sopra la crema gialla. Coprite con la restante crema al cioccolato. Fate un altro strato di biscotti imbevuti e completate livellando bene la crema pasticcera che vi è rimasta.

66

Adesso è il momento di inserire la pirofila in frigorifero per almeno due ore, prima di servire la zuppa inglese ai vostri ospiti. Se preferite invece della pirofila (rettangolare o quadrata), potete utilizzare uno stampo per i budini: ricopritelo con la pellicola trasparente (vi aiuterà quando dovrete sformare la zuppa inglese). Potete servire il dolce con un buon vino per dolci, come il marsala oppure come il passito di Pantelleria.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Ricetta: zuppa di fichi

I fichi sono dei frutti provenienti dal medio oriente, comunemente chiamati Ficus Carica, molto apprezzati dagli antichi Greci e Romani. Con tale ingrediente, è possibile preparare una gustosissima zuppa. Si tratta di una ricetta molto buona che può...
Dolci

Ricetta: crema inglese

Una delle ricette base della pasticceria è la preparazione della crema inglese. Si tratta di una crema di semplice e di rapida esecuzione, molto simile alla crema pasticcera ma che si distingue da essa per l'assenza della farina. Anche per questo motivo,...
Dolci

Ricetta inglese: Beef Pie

Il lavoro in cucina a volte può rappresentare un ottimo metodo per combattere la noia. Preparare una ricetta può far felici non solo noi stessi ma anche i nostri cari ed i nostri amati. In questa guida ci soffermeremo su una particolare pietanza diffusa...
Dolci

Ricetta inglese: shepherd's pie

Eseguire ricette nuove e sfiziose, certe volte serve a variare la propria dieta. Un'alimentazione che muta nel corso del tempo può giovare alla salute del corpo. Certo, bisogna documentarsi sulle varie pietanze che costituiscono la tradizione culinaria...
Dolci

Come preparare la zuppa di mandarino alla panna

Gli agrumi si prestano molto per la preparazione di molti dolci, tra cui la zuppa. Il loro succo, infatti, è una valida alternativa al liquore per bagnare il pan di Spagna. Ecco che la zuppa di mandarino alla panna diventa una torta per i bambini e per...
Dolci

Come preparare la zuppa di avena

La stagione fredda è ormai alle porte e con essa la voglia di preparare piatti caldi e sostanziosi. Tra questi vi sono certamente le zuppe, che si possono preparare ad arte con un'infinità di ingredienti. Indossate il grembiule da cucina e seguiteci...
Dolci

Come preparare la zuppa tartara

In questa guida vi spiegheremo come preparare la zuppa tartara, si tratta di un dessert molto apprezzato e adatto a persone adulte, vista la presenza di liquore. Questa preparazione permette molte varianti che possono prevedere l'uso di vanillina, cannella,...
Dolci

Ricetta: pesche di carnevale

Così chiamate per il loro colore rosato, le pesche di carnevale sono dei dolcetti tipici che possono essere farciti con crema, cioccolato o marmellata. Facilmente reperibili nell'angolo del dolce di tutti i supermercati d’Italia, all'interno di questa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.