Ricetta: liquore fatto in casa

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il liquore fatto in casa non è una ricetta che necessita di una grande esperienza culinaria. In questo caso, dovrete solo recarvi in campagna e raccogliere qualche ciuffo di finocchio selvatico secco. Una volta raccolto, andrà fatto seccare per poi eseguire la normale procedura messa in pratica per gli altri liquori. Generalmente, questo è un liquore che va servito freddo.

27

Occorrente

  • Finocchietto selvatico secco
  • Alcool purissimo a 95°
  • 800 gr di zucchero
  • Un litro di acqua
37

Macerare i fiorellini

Innanzitutto, non appena i fiorellini si staccheranno dallo stelo, potrete metterli a macerare nell'alcool purissimo a 95°. Nel caso in cui ne abbiate raccolto in abbondanza, potrete anche utilizzarli come spezie, ad esempio per insaporire i piatti a base di carne. Un particolare abbinamento che si adatta molto bene è quello con il maiale. In ogni caso, se non voleste subito subito metterli a macerare, potrete sempre inserirli all'interno di barattoli in vetro. Per ogni litro di alcool, andranno aggiunti tre pugni pieni di fiorellini, che dovranno macerare in un barattolo chiuso ermeticamente per 30 giorni.

47

Preparare lo sciroppo

Trascorso il tempo necessario, potrete preparare uno sciroppo con un litro d'acqua e 800 grammi di zucchero. Lascierete bollire un litro d'acqua, dopodiché aggiungerete lo zucchero e mescolerete il tutto fino a quando lo zucchero non si sarà completamente sciolto. Successivamente, potrete spegnere il fuoco e lasciaare raffreddare il tutto. Questi passaggi sono comuni alla preparazione di molti liquori. Un esempio tipico è il limoncello dove la sola differenza consiste nella macerazione che vede protagoniste le bucce di limone assicurandosi, naturalmente, di non prendere la parte bianca che ha un gusto amaro. I limoni, oltre ad essere non trattati, prevedono anche una macerazione più breve, di appena 20 giorni.

Continua la lettura
57

Filtrare il composto

Quando lo sciroppo sarà tiepido, potrete posizionare sopra la pentola un colino a maglie strette e versare i fiorellini macerati nell'alcool o le bucce di limone. A questo punto, il primo filtrato andrà imbottigliato e tenuto al buio per un mese, prima di poter essere bevuto. In realtà, avrà bisogno di un'altra filtrazione poiché, sul fondo della bottiglia, tendono ad accumularsi i soliti grumi. Naturalmente, il processo è il medesimo anche per il limoncello o per altri liquori, con la differenza che, nel caso del limoncello, non ci sarà la formazione di grumi dal momento che il taglio delle bucce avverrà in maniera più grossolana e, quindi, si tratterà di elementi più grandi che difficilmente passeranno la maglia. Buon lavoro!

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Ricetta: liquore al cioccolato aromatizzato al peperoncino

Il liquore al cioccolato aromatizzato al peperoncino è un alcolico estremamente delizioso e perfetto se abbinato al gelato, al caffé, o sorseggiato così com'è. La ricetta che vedete riportata qui di seguito contiene circa il venticinque per cento...
Vino e Alcolici

Ricetta: liquore ai frutti rossi e ananas

Un'idea per preparare un liquore a base di frutta, specie in estate che se ne dispone di diverse qualità e quantità, è quella di farlo per esempio ai frutti rossi e ananas. Solitamente è una variante a cui non pensiamo, quindi oltre che disporre di...
Vino e Alcolici

Ricetta: liquore al melograno e fichi

I liquori realizzati con la frutta sono sempre deliziosi perché uniscono alla forza dell'alcool l'aroma delizioso delle mele, dell'uva o degli altri prodotti della natura che vengono utilizzati. In questa utilissima guida vi insegno a confezionare uno...
Vino e Alcolici

Ricetta: come fare il liquore di corbezzolo

Conosciuto più per il miele che se ne ricava tramite i suoi bellissimi fiori, il corbezzolo è il frutto di ciò che viene anche chiamato "l'albero d'Italia" per la diffusione che questo arbusto ha nel nostro paese, soprattutto in Sardegna e nelle Marche....
Vino e Alcolici

Ricetta: liquore di uva fragola

Dolcissima e profumata, l'uva fragola è una vera e propria prelibatezza da gustare acino dopo acino! Conosciuta anche come Uva Americana o Isabella, l'uva fragola affonda le sue radici in tempi lontani. Il caratteristico profumo inebriante e il sapore...
Vino e Alcolici

Ricetta: liquore fatto in casa

Il liquore fatto in casa non è una ricetta che necessita di una grande esperienza culinaria. In questo caso, dovrete solo recarvi in campagna e raccogliere qualche ciuffo di finocchio selvatico secco. Una volta raccolto, andrà fatto seccare per poi...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla banana

Il liquore è un alcolico molto forte che spesso si usa per accompagnare i dolci dopo cena. Proprio per la sua caratteristica di essere fortemente alcolico non è sempre gradito da tutti.Esistono moltissimi gusti di liquori e moltissime gradazioni. Ad...
Vino e Alcolici

Come preparare liquore di vaniglia

Le bacche di vaniglia rappresentano un valido rimedio per lo stress e l'insonnia. Hanno infatti potere antiossidante per le cellule e sono anche un ottimo afrodisiaco. Ecco perché è da sempre possibile preparare numerose ricette a base di vaniglia,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.