Ricetta: maltagliati di farro con fagiolina del trasimeno

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
Ricetta: maltagliati di farro con fagiolina del trasimeno
15

Introduzione

Un piatto che unisce genuinità e sapore è rappresentato, senza dubbio dai maltagliati di farro con fagiolina del Trasimeno. Quest'ultimi sono dei deliziosi e teneri legumi, tipici dell'Umbria. La preparazione di questa ricetta non è assolutamente complicata e rappresenta la scelta ideale per portare a tavola un qualcosa di sano, senza rinunciare al gusto. Nella seguente guida, passo dopo passo, illustreremo proprio il procedimento da seguire per la preparazione dei maltagliati di farro con fagiolina del Trasimeno. Ecco dunque come procedere.

25

Occorrente

  • 200 gr farina 00
  • 200 gr farina di farro
  • uova
  • cipolla
  • salsa di pomodoro
  • olio extra vergine d'oliva
  • sale e pepe
  • rosmarino
  • pecorino grattugiato
35

La prima cosa da fare è quella di mettere in ammollo la fagiolina del Trasimeno, in una bacinella ripiena d'acqua fredda per un'intera notte. Nel frattempo, occupatevi della preparazione dei maltagliati. A tal fine, mescolate 200 gr di farina di frumento 00, 200 gr di farina integrale di farro aggiungendo poi le uova e i tuorli. Impastate fino ad ottenere un panetto ben omogeneo. Ricordiamo che le quantità indicate sono soltanto illustrative, ben potendo variare le stesse in relazione al numero dei commensali. Coprite dunque l'impasto e lasciatelo riposare nel frigorifero per almeno 30 minuti.

45

Trascorso il tempo indicato, procedete stendendo la sfoglia in modo non eccessivamente sottile. Per tale operazione, potete utilizzare la macchinetta destinata appunto alla preparazione della pasta a mano. Tagliate poi la sfoglia in pezzi irregolari, disponendoli di volta in volta su un canovaccio cosparso di farina. Fatto ciò, versate in una padella 4 abbondanti cucchiai di olio extravergine di oliva e fate rosolare una cipolla, tagliata finemente. Aggiungete quindi la fagiolina del Trasimeno ben scolata, il pomodoro nonché l'acqua necessaria a ricoprire i legumi. Salate e lasciate cuocere il tutto per circa 30-35 minuti. Quando la fagiolina sarà divenuta tenera, la cottura sarà giunta al termine. Se durante la cottura l'acqua dovesse asciugarsi, è bene aggiungerne altra.

Continua la lettura
55

La preparazione di questa ricetta è quasi ultimata. Ora non vi resta che cuocere i maltagliati in acqua bollente, per circa 10 minuti. A cottura avvenuta, scolateli e poneteli in padella insieme al condimento. Aggiungete infine una spolverata di pecorino grattugiato, una manciata di pepe e del rosmarino tritato. Impiattate e servite questo gustoso primo piatto. I vostri ospiti non potranno che apprezzare la semplicità e la genuinità dei maltagliati di farro con fagiolina del Trasimeno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Ricetta: Maltagliati con pesto di fagiolini e ceci

Se volete preparare un pranzo domenicale con i fiocchi, provate a fare i maltagliati con pesto di fagiolini e ceci. Questo è un primo davvero stuzzicante e diverso dal solito. Poiché, vengono adoperati due legumi, che abbinati insieme daranno vita a...
Primi Piatti

Ricetta: maltagliati alla cannella con crema di porri e scamorza

I Maltagliati sono un formato di pasta tipico dell'Emilia Romagna. Il nome deriva dalla loro forma irregolare e disomogenea. I Maltagliati sono infatti gli eccessi di pasta che si creavano quando le antiche massaie preparavano le tagliatelle in casa....
Primi Piatti

Ricetta: maltagliati con funghi e salsiccia

Un buon primo piatto è sempre l'apertura migliore per un pranzo domenicale o un qualunque pasto diurno. La pasta prevede diverse varianti, tutte differenti tra loro in base al tipo di condimento e alla forma della pasta. Ad esempio, i maltagliati con...
Primi Piatti

Ricetta: maltagliati al ragù di pesce

I maltagliati al ragù di pesce è un primo piatto delicato e gustoso, che include una ampia varietà di crostacei e pesci carnosi, tipo il salmone o la trota. La sua preparazione è alquanto rapida e offre un gusto delicato, necessariamente da assaporare...
Primi Piatti

Ricetta: maltagliati con fagioli e astice

I maltagliati con fagioli ed astice è un piatto tradizionale cruel-free, che non necessita di tagliare l'astice vivo sul piano di lavoro. La salsa d'ostriche conferisce al piatto il profumo del mare, ma senza eclissare il sapore delicato del crostaceo....
Primi Piatti

Ricetta: maltagliati al salame

Quando si dice "Italia" si dice pasta! E nella tradizione italiana possiamo trovare decine di ricette e di tagli completamente diversi tra loro. Ogni tipologia di pasta, fresca o secca, presenta caratteristiche peculiari. Possiamo trovare la pasta lunga...
Primi Piatti

Ricetta: insalata di farro con salmone, rucola e limone

L’insalata di farro con salmone, rucola e limone è una ricetta semplice ed anche molto veloce da preparare. È un piatto ideale da portare a lavoro nei giorni in cui dovrete portarvi il pranzo e soprattutto funge da piatto unico, poiché sono presenti...
Primi Piatti

Ricetta: carciofi ripieni con farro allo zafferano

I carciofi con ripieno di farro allo zafferano sono un piatto leggero, sfizioso e molto salutare: le caratteristiche benefiche del farro, infatti, lo rendono una buonissima alternativa al grano duro, oltretutto è molto digeribile e poco calorico. Se...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.