Ricetta: marmellata di prugne e zenzero

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Se si amano gli spuntini saporiti, ma non si vuole rinunciare ad un'alimentazione sana questa ricetta può essere sia una colazione che una merenda. Si tratta di una marmellata dal gusto esotico fatta con prugne e zenzero che si può spalmare sul pane e sulle fette biscottate, ma può essere anche un ingrediente base per torte e crostate. Inoltre, può essere una meravigliosa guarnizione per i formaggi; in questo modo si rende sfizioso ed originale un aperitivo o si può di arricchire una cena romantica. Leggendo il tutorial si possono avere dei consigli su come preparare questa squisita marmellata.

27

Occorrente

  • Prugne
  • Zucchero
  • Zenzero q.b.
  • 2 limoni
  • Vasetti ermetici
  • Fogli di giornale
  • Elastici
37

La prima cosa da fare è quella di lavare accuratamente le prugne. Successivamente con un coltello bisogna tagliarle a metà per poter eliminare il nocciolo che è presente nella parte più interna del frutto. In seguito bisogna tagliare le prugne in pezzetti di circa due centimetri; poi, si deve mettere il tutto in una pentola di grandi dimensioni. I bordi della pentola devono essere abbastanza alti.

47

Adesso bisogna occuparsi dello zenzero; esso si trova in commercio sia con la buccia (zenzero grigio) che decorticato (zenzero bianco). Entrambi hanno lo stesso sapore, ma quello bianco è decisamente più comodo. Esso va grattugiato nella stessa pentola in cui sono le prugne. Successivamente bisogna aggiungere lo zucchero e si deve accendere il fuoco; poi, si mescola fino a quando le prugne si sono ammorbidite. Quando le prugne si sono sciolte si deve spegnere il fuoco e bisogna passarle con un passaverdura. A questo punto si devono rimettere nella pentola ed aggiungere il succo di due limoni. Si fa cuocere per venti minuti in modo che il composto si addensa.

Continua la lettura
57

Ora bisogna prendere dei vasetti con la chiusura ermetica che sono stati sterilizzati in precedenza. Poi, si riempiono con il preparato ancora caldo. Si chiudono i vasetti, si riempie una grossa pentola con abbondante acqua e si immergono completamente al suo interno. Si fa bollire il tutto per 30 minuti e successivamente si spegne il fuoco lasciando raffreddare i vasetti all'interno della pentola ancora piena d'acqua.

67

La confettura non va mangiata subito in quanto si devono legare i vari sapori tra loro. È possibile assaggiarla dopo circa un mese; i vasetti non aperti e ben sigillati possono essere conservati per circa un anno. Per evitare che la luce li danneggia è consigliabile avvolgere ogni vasetto nei fogli di giornale e fissarli con un elastico. La marmellata va conservata in un luogo buio, fresco e asciutto e nel frigorifero quando è stata aperta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Ricetta: Marmellata di frutta secca

Preparare delle ottime conserve in cucina non è poi così semplice. In realtà questo genere di preparazione necessita di determinati passaggi, atti alla buona riuscita del prodotto finale. Esistono tantissimi tipi e varietà di marmellate. In questa...
Dolci

Ricetta: confettura di zenzero

Lo zenzero è una radice dalle svariate proprietà benefiche, sin dall'antichità è considerato il rimedio per tantissimi mali, una vera e propria forza della natura. Ha un importante potere antinfiammatorio, infatti viene usato all'interno dei decotti...
Dolci

Ricetta natalizia col Bimby: casetta di pan di zenzero

La casetta di pan di zenzero è un dolce tradizionale natalizio. Tipico del Nord Europa e degli USA, viene molto apprezzato da grandi e piccini, ma la preparazione richiede tempi abbastanza lunghi. Tuttavia col Bimby il lavoro viene notevolmente alleggerito....
Dolci

Ricetta: crostata di marmellata e mandorle

Ecco una rivisitazione della classica ricetta della crostata alla marmellata, arricchita con le mandorle, che conferirà quel tocco di innovazione alla vostra ricetta più consueta. Per fare una buona crostata serve una buona frolla. Se non volete realizzarla...
Dolci

Ricetta: fagottini alle mele e marmellata

I fagottini farciti con le mele e la marmellata rappresentano una ricetta semplice e gustosa, oltre che molto veloce da preparare. Si tratta di un dolce adatto per tutte le stagioni e apprezzato sia dai bambini che dagli anziani. Inoltre sono perfetti...
Dolci

Ricetta: marmellata di pere

Le pere sono frutti deliziosi e zuccherini, tipici della stagione autunnale ma anche invernale. Ottime da gustare fresche, da mature diventano ideali per una golosa marmellata. Puoi spalmare la confettura sul pane per la prima colazione o una nutriente...
Dolci

Ricetta: marmellata di alchechengi

Vi è mai capitato di notare, magari come decorazione del dessert in qualche ristorante, una bacca simile a un piccolo pomodorino di colore giallo e dal sapore leggermente agrumato? Esatto, quella bacca è proprio un alchechengi, frutto dalle innumerevoli...
Dolci

Ricetta: marmellata ai frutti di bosco

In questo articolo vogliamo proporre ai nostri appassionati lettori, una nuova ricetta, per imparare a fare la buonissima marmellata ai frutti di bosco, con le proprie mani e nella propria cucina. Quando parliamo di frutti di bosco pensiamo a fragoline,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.