Ricetta: orzotto ai porri e patate con zafferano

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

In natura esistono moltissimi prodotti che se abbinati correttamente possono portare alla produzione di moltissime pietanze gustose e molto salutari. Tuttavia soprattutto se siamo alle prime armi con il mondo della cucina, per riuscire a capire come fare per preparare pietanze prelibate e naturali, non dovremo fare altro che seguire tutte le indicazioni riportate all'interno delle moltissime ricette che potremo facilmente trovare su internet. In questo modo riusciremo facilmente a preparare tutti i piatti che desideriamo con molta facilità. Nei passi successivi di questa guida, in particolare, vedremo come fare per riuscire a preparare un gustosissimo e particolarissimo orzotto ai porri e patate con l'aggiunta dello zafferano.

25

Occorrente

  • 180 g di orzo
  • 750 ml di brodo di verdure
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 patata
  • 30 g di porro
  • 15 g di gambo di sedano
  • 1/2 bustina di zafferano
  • prezzemolo q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
35

La prima operazione da svolgere sarà quella di procurarsi l'orzo adeguato per la preparazione di questa pietanza. Per la presente ricetta è consigliato l'utilizzo dell'orzo perlato. L'orzo perlato, invece, non necessita di una fase di ammollo, risultando anche molto più veloce da cucinare; in questo caso, infatti, saranno sufficienti 20 minuti.
Iniziare sbucciando la patata, riducendola successivamente a cubetti; procedere lavando sia il porro che il sedano, tritandoli finemente con il coltello.

45

Prendere una padella piuttosto capiente e versare al suo interno un paio di cucchiai di olio extravergine di oliva, quindi riscaldare quest'ultimo a fiamma media e aggiungere la patata. Farla soffriggere per pochi minuti e unire il porro e il sedano. A questo punto versare l'olio e farlo tostare (allo stesso modo di un risotto); nel frattempo far bollire in un pentolino del brodo di verdure. Trascorsi 2 o 3 minuti versare un paio di mestoli di brodo e, nello stesso momento, mezza bustina di zafferano; aggiungere anche un pizzico di sale e una spolverata di pepe.

Continua la lettura
55

Continuare la cottura mescolando regolarmente con un cucchiaio di legno; aggiungere del brodo ogni volta che l'orzo tenderà ad asciugarsi. Quest'ultimo risulterà cotto quando i suoi chicchi saranno piuttosto morbidi; inoltre, i cubetti di patate dovranno essere teneri, ma non così tanto da rischiare di disfarsi. Prima di servire l'orzotto in tavola guarnirlo con un filo d'olio extravergine; mescolare con il cucchiaio e lasciarlo riposare, coprendolo con il coperchio per 3 o 4 minuti. A questo punto il nostro piatto sarà finalmente pronto e tutto quello che dovremo fare sarà servirlo a tutti i nostri invitati che lo apprezzeranno sicuramente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Ricetta: minestra di zucca porri e patate

La minestra è un'ottima soluzione per accontentare tutti a tavola, durante la stagione fredda. È un piatto che riscontra molti consensi e si può preparare in mille modi. Si passa all'accostamento con ortaggi, i legumi e le verdure di ogni genere. Tutto...
Primi Piatti

Ricetta: minestra di riso con porri e patate

La minestra è uno dei primi piatti più piacevoli da consumare soprattutto nei periodi invernali, quando le temperature tendono ad abbassarsi. Infatti, non esiste nulla di più sostanzioso e ricco di proteine vegetali di una calda e deliziosa minestra....
Primi Piatti

Ricetta: risotto porri e patate

Il risotto è un piatto molto prelibato della cucina italiana. La tradizione del mangiare il riso deriva ovviamente dai paesi orientali. Ciò non significa che in Italia il risotto non possa essere considerato una pietanza autoctona. Basti pensare alle...
Primi Piatti

Ricetta: orzotto alla trentina

L'orzotto alla trentina è una ricetta tipica del territorio montano, a base di orzo, verdure e speck. Questo piatto si adatta perfettamente alla stagione invernale (dato il suo apporto calorico piuttosto alto) e va servito bollente. Inoltre, può essere...
Primi Piatti

Ricetta: orzotto al rosmarino e castagne

Uno degli alimenti che può sostituire il riso in cucina è l'orzo. Questo cereale è adatto per preparare zuppe e altri piatti. Una delle ricette più utilizzate e l'orzotto al rosmarino e castagne. Per realizzare l'orzotto non è necessario essere delle...
Primi Piatti

Come preparare gli gnocchi di patate e zafferano alla salvia

Se avete ospiti a pranzo e volete stupirli, preparate gli gnocchi di patate e zafferano alla salvia. Di solito questo primo viene molto apprezzato e riceverà molti consensi. Inoltre, gli gnocchi sono un'ottima alternativa, se non si vuole mettere a tavola...
Primi Piatti

Come fare il timballo di porri e patate

I timballi sono delle preparazioni culinarie che si cuociono al forno e sono da considerarsi dei piatti unici per il loro contenuto nutritivo ben bilanciato. Tutti si saranno deliziati con timballi di pasta arricchita con carne e formaggio oppure con...
Primi Piatti

Come preparare la minestra di porri con patate

Durante le fredde giornate invernali, il primo piatto più buono e nutriente da portare a tavola consiste, senza dubbio, in una calda minestra, perfetta per grandi e piccini. Ecco una ricetta da preparare in pochi minuti durante l'inverno, per una cena...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.