Ricetta: ostriche in tempura di limone e salsa wasabi

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se per una cena tra amici intendiamo sorprendere gli ospiti, possiamo preparare una ricetta orientale, precisamente della tradizione giapponese. Si tratta infatti di un preparato davvero unico e particolare, che consiste nell'utilizzare delle ostriche fritte in tempura di limone, e bagnate nella salsa wasabi. Nei passi successivi di questa guida, vediamo dunque come procedere per preparare questa gustosissima ricetta.

25

Occorrente

  • Ostriche 20
  • Farina di riso 100 gr.
  • Farina doppio zero 100 gr.
  • Tuorli in polvere 2
  • Limone 1
  • Wasabi 100 gr.
  • Olio di semi soia q.b.
35

Innanzitutto prendiamo delle ostriche, e dopo averle sgusciate con l'apposito coltellino, le adagiamo una ad una in una vaschetta con del ghiaccio tritato, riponendole poi nel frigo per circa un'ora. Tale tempo è necessario, poiché il ghiaccio deve sciogliersi con il succo rilasciato dall'ostrica, indispensabile come vedremo per completare la ricetta.

45

A questo punto, dobbiamo prendere una serie di ingredienti per preparare la tempura di limone; infatti, nello specifico questa sorta di crema, si compone di farina di riso e di quella a doppio zero. Inoltre, è necessario utilizzare del tuorlo d'uovo in polvere, oltre che del succo di limone. Una volta amalgamati tra loro i suddetti componenti, otteniamo la nostra tempura che poi mettiamo da parte, per dedicarci alla preparazione della salsa wasabi. Quest'ultima, prende il nome da una radice piccante dal colore verdastro che una volta cotta e frullata, rilascia una squisitissima crema, molto apprezzata dai giapponesi per intingervi tutti i tipi di pesci crudi. A questo punto, avendo ormai completato la preparazione di tutti gli ingredienti necessari per l'elaborazione della ricetta a base di ostriche, non ci resta che terminare il lavoro.

Continua la lettura
55

Innanzitutto prendiamo le ostriche dal frigo e le adagiamo in un piatto, filtrando nel contempo il ghiaccio, in modo da recuperare il prezioso liquido aromatizzato rilasciato dalle ostriche stesse. Adesso, queste ultime le immergiamo nella tempura precedentemente preparata, rigirandole almeno un paio di volte, affinché aderisca su tutti i lati, dopodichè le friggiamo in padella con dell'olio di semi di soia. Dopo averle riposte in una ciotola con della carta assorbente, le trasferiamo in un vassoio da portata e le riponiamo in frigo per farle raffreddare, poiché questo tipo di ricetta come da tradizione giapponese, va servita freddissima. Adesso è giunto il momento di impiattare le ostriche alla tempura di limone, e ad ogni piatto aggiungiamo una piccola terrina con all'interno il wasabi freddo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucina Etnica

Come fare la tempura di pesce alla giapponese

Al giorno d'oggi la cucina giapponese sta riscuotendo molto successo in numerose parti del mondo. Si tratta infatti di una tradizione culinaria caratterizzata da piatti davvero gustosi e leggeri e adatti per essere consumati in diverse occasioni. Una...
Antipasti

Come preparare la tempura di gamberetti giapponese

La fortuna di poter viaggiare e di conoscere nuove culture è quella di poter conoscere alcune specialita' della cucina del paese che visitiamo. Da molti anni poi la cucina giapponese è diventata molto popolare anche nel nostro paese, grazie alla particolarita'...
Antipasti

Tempura di zucca all'aceto balsamico

La tempura è una tecnica di cucina giapponese, che i nipponici utilizzano soprattutto per la frittura di ortaggi e verdure di stagione. Mediante il metodo della tempura infatti, si potrà godere di una frittura leggera e croccante che non alteri il gusto...
Primi Piatti

Ricetta: tempura udon

La tempura udon è un piatto che arriva dalla cultura giapponese, abbastanza complesso nella composizione ma molto buono. Si tratta di una zuppa di brodo caldo con una pasta lunga e spassa (udon) guarnita con verdure e gamberi fritti in tempura. Il piatto...
Cucina Etnica

Come preparare le seppie in tempura al pepe

Il pesce come tutti sanno, è un ingrediente dalle grandi proprietà, dal sapore piacevole e dal gusto raffinato, soprattutto se viene preparato nella maniera giusta. Esistono molte ricette che prevedono la cottura del pesce in olio bollente, che regalano...
Cucina Etnica

Ricetta: tempura giapponese senza glutine

Ultimamente va molto di moda frequentare nuove tipologie di cucine, per provare sapori nuovi e diversi dalle nostre classiche tradizioni. Sicuramente una cucina che sta prendendo sempre più piede negli ultimi anni è quella giapponese. Come ben si sa...
Cucina Etnica

Ricetta: tempura di polpo e salsa piccante

Se per deliziare il palato dei vostri familiari o di eventuali ospiti che avete invitato a cena, intendete preparare qualche ricetta particolare e nel contempo gustosa, allora vi conviene optare per una tempura di polpo e salsa piccante. Si tratta di...
Cucina Etnica

Come preparare un'ottima tempura

La tempura è un piatto tipico della cucina orientale, in particolar modo del Giappone, adottata ad honorem anche nella cultura culinaria italiana. Si tratta di bocconcini di pesce, come ad esempio i calamari ed i gamberi, pastellati con una salsa particolare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.