Ricetta: paccheri cozze e pecorino

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Cozze e pecorino, vi suona strano? Fino a poco tempo fa, azzardare il binomio pesce-formaggio era come peccare di brutale eresia: risultato.... Un feroce storcere nasi e barricarsi dietro l'ottusa consuetudine (il pesce con aglio, olio, prezzemolo e nulla più). Ora è un abbinamento molto usuale, specialmente nei ristoranti della costa laziale. Le cozze devono essere saporite quindi preferite quelle piccole ed il pecorino non troppo stagionato altrimenti prevale su tutto il resto. Se amate gli ingredienti semplici e genuini, questo piatto fa sicuramente al caso vostro.

25

Occorrente

  • 350 g di paccheri
  • 1,5 kg di cozze
  • 3 cucchiai di pecorino
  • sale
  • peperoncino
  • prezzemolo
  • olio
  • 10 pomodorini freschi
35

Il primo passo consiste nel pulire le cozze. Essendo molluschi che vivono attaccati agli scogli, abbiate cura di lavarle sotto abbondante acqua corrente, aiutandovi con uno spazzolino da denti. Per evitare di sentire la sabbia in bocca, mentre consumerete il piatto, fate ben attenzione ad eliminare ogni residuo dal guscio. Procedete mettendo le cozze in una pentola con coperchio, su fuoco medio: dopo pochi minuti inizieranno ad aprirsi da sole. Filtrate l'acqua di cottura e tenetela da parte, vi sarà utile in seguito per insaporire la pasta.

45

Fate cuocere in abbondante acqua salata i paccheri, normalmente ci vogliono circa 12 minuti per fare in modo che raggiungano una cottura ottimale. In ogni caso seguite le indicazioni che saranno presenti sulla confezione della pasta, dovrà essere molto al dente per non rischiare di scuocere durante la mantecatura. In un' ampia padella, preparate un soffritto con aglio ed olio extra vergine d'oliva, eliminate l'aglio rosolato ed unite una manciata di pomodorini dolci e maturi, tagliati a pezzetti (se non è stagione andrà benissimo una lattina di pomodorini di collina di ottima qualità). Aggiungete quindi il prezzemolo tagliuzzato, il peperoncino e cuocete per circa un quarto d'ora. Sgusciate le cozze e aggiungetele al sughetto unendo anche un mestolo del loro liquido di cottura. Una volta che la pasta sarà pronta scolatela e versatela nel sugo.

Continua la lettura
55

Lasciate mantecare gli ingredienti per qualche minuto, facendo saltare la pasta in modo che si leghi perfettamente al sughetto. In ultimo aggiungete il pecorino a scaglie, abbiate cura di farlo sciogliere per bene sui paccheri. Se avete ospiti a cena potete presentare la vostra pasta all'interno di una pastiera che andrete a posizionare al centro della tavola. Permetterete così ad ogni commensale di servirsi autonomamente. Per insaporire ancora di più il piatto spruzzate un po' di prezzemolo e pecorino, i più impavidi possono rendere super piccante il proprio piatto aggiungendo ulteriore peperoncino a fine cottura.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Come preparare i paccheri guanciale e pecorino

Se volete presentare in tavola un primo piatto molto sostanzioso durante il periodo invernale, ecco a voi i gustosi paccheri con guanciale e pecorino. Si tratta di un primo piatto molto amato da chi preferisce gustare una pasta molto consistente e che...
Primi Piatti

Come preparare le linguine al pesto di mandorle e broccoletti con cozze e pecorino

In cucina non ci sono regole, basta usare la fantasia e la creatività per ottenere piatti deliziosi. Chi ha detto che le ricette classiche non possano essere rivisitate? A volte cambiare qualche ingrediente può risultare utile e piacevole al palato....
Primi Piatti

Paccheri con dadolata di pollo: ricetta

I paccheri si prestano ad innumerevoli ricette e varianti. La loro forma e consistenza consente di apprezzare al meglio qualsiasi condimento. La ricetta che andremo a preparare è davvero semplice e veloce. In poco tempo avrete un piatto ricco e completo...
Primi Piatti

Ricetta: paccheri ripieni al tonno

I paccheri sono quel formato di pasta tradizionale napoletano molto grande: sono utilizzati in moltissime ricette e con tantissimi ingredienti differenti. In questa guida, seguendo attentamente i passi, vi sveleremo il procedimento di questa ricetta,...
Primi Piatti

Ricetta: paccheri ripieni di pesce al forno

I paccheri ripieni di pesce sono una portata deliziosa e molto versatile, che permette di preparare una ricetta diversa ogni volta, ma sempre con l'utilizzo dello stesso tipo di pasta. La versione che vi propongo qui di seguito, è una prima portata gratinata...
Primi Piatti

Ricetta: paccheri con le alici

Oggi vi proponiamo una ricetta di un primo, facile, veloce e decisamente gustoso: paccheri con le alici. Questo piatto fa parte della tradizione culinaria del sud Italia: i paccheri infatti sono un formato di pasta molto usato in Campania sia in zone...
Primi Piatti

Ricetta: paccheri al forno

Per stuzzicare il palato dei vostri ospiti, lasciatevi tentare da una ricetta dal profumo partenopeo come i paccheri al forno. I paccheri sono un formato di pasta generoso, perfetto per farsi accompagnare da sughi elaborati e ricchi. Una ricetta golosa...
Primi Piatti

Ricetta: Paccheri di bacon

In questa guida spiegherò come realizzare i paccheri di bacon. Questa ricetta, nonostante il bacon potrebbe creare sospetti, ha origini italiane. Proprio perché i paccheri sono un tipo di pasta prettamente italiano. Somiglia molto ai cannelloni oppure...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.