Ricetta: pappaderdelle al cinghiale

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le pappardelle al cinghiale sono una gustosa pietanza che si può servire in tutte le occasioni. Le pappardelle sono originarie della Toscana, in particolare della provincia di Grosseto. Questa pietanza si prepara partendo dal tritato di polpa di cinghiale al quale si aggiungono successivamente sedano, carota ed una spruzzata di vino rosso. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette indicazioni su come preparare la ricetta: pappaderdelle al cinghiale.

26

Occorrente

  • tritato di polpa di cinghiale, sedano, carote, vino rosso, chiodi di garofano,delle bacche di ginepro, rosmarino, aglio, cipolla, sale, pepe, alloro, passata di pomodoro, brodo vegetale, pappardelle, parmigiano o pecorino
36

Marinatura della carne

La prima cosa da fare è la marinatura della carne. Bisogna immergere il tritato all'interno di una ciotola con 750 ml di vino rosso, una costa di sedano, una carota a pezzettini, dei chiodi di garofano, delle bacche di ginepro, un rametto di rosmarino ed uno spicchio d?aglio. A questo punto bisogna coprire la marinata con un coperchio oppure con una pellicola alimentare. Si fa riposare in frigorifero per circa 24 ore; trascorso questo lasso di tempo si sgocciolano i bocconcini, si lavano sotto l'acqua corrente e si tamponano con la carta assorbente per eliminare qualsiasi residuo della marinata.

46

Cottura della carne

In una padella a parte si fa soffriggere mezza cipolla con dell'olio extravergine d'oliva ed uno spicchio d'aglio. Quando gli aromi sono incorporati si aggiungono il sedano, la carota tagliata a cubetti e si aggiusta il sapore con una manciata di sale e pepe. Successivamente si aggiunge il cinghiale tritato insieme ad una foglia d?alloro. Dopo aver fatto rosolare tutti gli ingredienti si aggiungono alcuni mestoli di brodo vegetale e un paio di bicchieri di vino rosso. Si porta avanti la cottura della carne fino a quando evapora l?alcool. A questo punto si unisce la passata di pomodoro lasciando il tutto sul fuoco per circa un?ora.

Continua la lettura
56

Preparazione delle pappardelle

Le pappardelle si possono comprare oppure farle a mano con uova, farina e un pizzico di sale. Si fanno riposare le pappardelle sotto un panno umido per quindici minuti. Si stende il panetto di pappardelle con il mattarello e si arrotola la pasta cercando di ricavare delle fettine larghe due centimetri circa. In seguito si immergono le tagliatelle in acqua bollente salata e si attende circa 5 minuti per la cottura. Si scolano, si passare all'interno del sugo precedentemente preparato e si coprono con una manciata generosa di parmigiano grattugiato o pecorino. Il piatto va accompagnato da un vino rosso, preferibilmente toscano. Il piatto deve essere preparato almeno ventiquattro ore prima della cena.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Ricetta: ravioli di cinghiale

Preparare i ravioli di cinghiale richiede tempo ed impegno, ma il risultato vi darà sicuramente delle grandi soddisfazioni. Seguendo i passi della ricetta potrete realizzare un piatto gustoso, dal sapore deciso e dal profumo avvolgente. Vediamo allora,...
Primi Piatti

Ricetta: pappardelle al ragù di cinghiale e porcini

Vi sono piatti culinari che vengono tramandati da generazioni: sono quelli preparati dai chi vive nelle montagne dove la caccia e la raccolta dei funghi è una normale tradizione. Il cinghiale è un animale molto apprezzato nella preparazione di ottimi...
Primi Piatti

Ricetta: lasagne al cinghiale

Le lasagne sono uno dei piatti più apprezzati da noi italiani, ma non solo. Sono diventate famose in tutto il mondo e vengono in qualche modo imitate. Si possono fare differenti versioni delle lasagne, una di queste è con la carne di cinghiale. Il cinghiale...
Primi Piatti

Ricetta: le pappardelle al cinghiale

Se avete intenzione di preparare un piatto di pasta particolare, potete cimentarvi nell'elaborazione di una gustosa ricetta a base di pappardelle al cinghiale. Si tratta di una pietanza dal sapore unico, e che si sposa benissimo con l'aromatica carne...
Primi Piatti

Come fare i tagliolini al sugo di cinghiale

I tagliolini al sugo di cinghiale sono un piatto tipico di molte zone di montagna, viene spesso proposto nei ristoranti come un ricco primo piatto nei vari menù. Tuttavia, anche a casa, possiamo preparare i tagliolini di pasta all'uovo e cucinare un...
Primi Piatti

Come cucinare il sugo al cinghiale

Il cinghiale è un mammifero che vive nei boschi. Esso si nutre di radici, tuberi, ghiande, insetti e piccoli mammiferi e da sempre viene cacciato per la sua carne molto saporita, il che ha contribuito a ridurre la sua diffusione. La carne del cinghiale...
Primi Piatti

Ricetta: spaghetti alla cacciatora

Gli spaghetti alla cacciatora sono un primo piatto gustoso, dal gusto forte e deciso da assaporare preferibilmente nel periodo invernale. Anche se i tempi di preparazione non sono tra i più veloci, il procedimento risulta di facile attuazione in quanto...
Primi Piatti

Ricetta: tartare di salmone e mango

Gli amanti delle carni crude e dei sapori esotici apprezzeranno questa ricetta: la tartare di salmone e mango. La tipica preparazione della tartare è a base di carni o pesci crudi triturati a coltello molto finemente. Poi si condiscono con vari ingredienti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.