Ricetta: pesto mandorle e pistacchi

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Ricetta: pesto mandorle e pistacchi

Il pesto è un tipico condimento ligure, del quale possiamo trovare le prime semplici ricette a partire addirittura dall’800. La ricetta tradizionale, che fu elaborata proprio in quel periodo, ha mantenuto le stesse caratteristiche, almeno per quanto riguarda la la preparazione casalinga. Per preparare un vero pesto alla genovese, infatti, occorrono un mortaio in marmo, un pestello in legno e una buona dose di pazienza! Gli ingredienti necessari, che devono essere freschi e di buona qualità, sono il basilico, i pinoli, l'aglio, il parmigiano e l'olio extravergine di oliva. Negli anni, però, hanno preso sempre più piede infinite varianti di pesto: quello rosso con i pomodori secchi, quello alla rucola, quello con i peperoni, e via dicendo, ognuno dettato dalla curiosità di gustare sapori nuovi e di sviluppare la fantasia in cucina. In questa guida vedremo una tra questa ricette curiose e innovative: il pesto mandorle e pistacchi.

27

Occorrente

  • 50 gr basilico
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 cucchiaio di pistacchi
  • 1 cucchiaio di mandorle
  • 80 gr di parmigiano
  • 20 gr di pecorino
  • 100 ml di olio extra vergine di oliva
37

Per realizzare questa curiosa ricetta occorrono circa 50 grammi di foglie di basilico, preferibilmente di quello a foglie piccole. Il basilico deve essere giovane, fresco e bello profumato. Iniziate a sfogliarlo lavandolo per bene sotto l’acqua fredda, quindi tamponate le foglie con estrema delicatezza tra due veli di carta assorbente o, se preferite, in un canovaccio. Mentre le foglie si asciugano iniziate a schiacciare uno spicchio d’aglio all'interno del mortaio. Affinché l’aglio risulti maggiormente digeribile, ricordatevi di privarlo del germe interno. Secondo la ricetta tradizionale andrebbe utilizzato uno spicchio d’aglio ogni 30 foglie di basilico, mentre per questa ricetta, vista la particolarità degli ingredienti, utilizzarne uno solo sarà più che sufficiente. Ovviamente, per quando riguarda la quantità, fate riferimento al vostro gusto personale: se vi piace sentire un forte sapore di aglio potete aggiungerne quanto ne desiderate.

47

Una volta che l’aglio sarà ridotto in poltiglia, versate nel mortaio una parte delle foglie di basilico con un pizzico di sale grosso (che servirà a frantumare le fibre e mantenere il colore di un bel verde acceso), e iniziate il lavoro con il pestello, andando a schiacciare per bene le foglie sulle pareti del mortaio con un movimento circolare e, allo stesso tempo, ruotate in mortaio in senso contrario. Non appena il basilico avrà spigionato tutti i suoi succhi verdi brillanti, sarà giunto il momento di versare anche la frutta secca. Le dosi che si consiglia da utilizzare sono un cucchiaio da cucina bello colmo di pistacchi, e uno di mandorle. Ovviamente, come per l’aglio, anche questa è una scelta dettata dal gusto personale: tanto più si preferisce un pesto bello sostanzioso, tanto più bisognerà abbondare con la frutta secca. Iniziate col tritarla grossolanamente con un coltello, visto che le dimensioni sono più importanti rispetto a quelle di un pinolo, per poi utilizzare il mortaio con più facilità.

Continua la lettura
57

Ora ricominciate il movimento circolatorio all'interno del mortaio, fino a che non si sarà formata una crema. A questo punto incorporate al composto i formaggi, utilizzando circa 20 grammi di pecorino e 80 grammi di parmigiano, ovviamente ben stagionati e di buona qualità. Procedete col mescolare il tutto e, infine, versate l’olio, che deve essere necessariamente extravergine d’oliva, ma non troppo aggressivo e corposo come sapore. Continuate a mescolare e, finalmente, avrete ultimato la salsa. Ora il vostro pesto sarà pronta per condire la pasta! Se preferite, una volta impattata, è carino aggiungere una fogliolina di basilico e un paio di pistacchi e mandorle per rendere evidenti gli ingredienti che lo compongono!

67

Come potete notare, per la preparazione di questa ricetta non sono necessarie grandi abilità culinarie. Attraverso questi pochi passaggi riuscirete a creare un pesto davvero gustoso e originale. Inoltre, se vi piace assaporare nuovi gusti e cimentarvi nella preparazione di ricette nuove, potete inventare voi stessi una nuova variante di pesto!

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Consiglio 1: Lavorate il vostro pesto più velocemente possibile per evitare problemi di ossidazione delle foglie.
  • Consiglio 2: La ricetta può essere realizzata anche con il frullatore, e visto che la vita moderna ci costringere a correre sempre potrà capitare a molti!! iIn questo caso gli ingredienti andranno versati tutti insieme nel recipiente e frullati a scatti in modo che le lame non si surriscaldino, meglio anora se prima dell'ultilizzo lasciate nel frigorifero le lame per qualche minuto, aiuterà ad evitare la tanto temuta ossidazione!!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Ricetta: lasagne al pesto di pistacchi e gamberetti

Tra i primi piatti vincenti della tradizione della cucina italiana, bisogna necessariamente inserire le classiche lasagne. Le lasagne sono solitamente preparate con un ottimo ragù di carne e vengono condite abbondantemente con besciamella e con formaggio...
Primi Piatti

Ricetta: fusilli al pesto con pistacchi

La tradizione italiana vanta moltissime ricette tutto molto buone e soprattutto realizzate con prodotti tipici delle nostre terre. Tra queste ricette troviamo i fusilli al pesto con pistacchi. Sebbene il pesto sia di origine genovese, si è presto diffuso...
Primi Piatti

Ricetta: spaghetti al pesto di pistacchi e pomodorini

Si può dire che gli spaghetti siano una bandiera culinaria del Bel Paese. Soprattutto se preparati con del pomodoro fresco ed una spolverata di parmigiano. Ma c'è qualcosa che può rendere speciali anche le ricette tradizionali e ben collaudate. Si...
Primi Piatti

Ricetta: pasta con pesto di pistacchi mozzarella e pomodori secchi

Il pistacchio è un ingrediente molto benefico. È ricco di minerali e utile per combattere il diabete e il colesterolo alto. Offre parecchi spunti per ricette fantasiose e dal gusto delicato. Sicuramente il pistacchio di Bronte è quello più pregiato...
Primi Piatti

Ricetta: pasta con pesto di pistacchi e gamberetti

La pasta con gamberetti e pesto di pistacchi è un primo piatto dal gusto unico grazie alla combinazione di sapori tra loro diversi che si completano in un connubio di gusto e semplicità. Si tratta di un primo piatto veloce da realizzare che mette d'accordo...
Primi Piatti

Ricetta: fusilli al pesto di pistacchi

I pistacchi, oltre che essere uno snack gustoso e nutriente, sono degli alleati preziosi per il nostro benessere: sono infatti ricchi di vitamina E, che aiuta a mantenere il nostro cuore in forma, e di grassi insaturi, che contribuiscono al mantenimento...
Primi Piatti

Ricetta: linguine al pesto di mandorle e limoni

In certi periodi dell'anno, specie nella stagione calda, mettersi ai fornelli può essere davvero dura. Nutrirsi e bere tanta acqua è importante in ogni stagione. Ma cucinare non sembra un'attività allettante nei mesi più afosi. Eppure i sapori dell'estate...
Primi Piatti

Risotto con pesto di pistacchi e limone

La ricetta che andremo a proporre di seguito ha un gusto particolare che viene esaltato dall'abbinamento del limone ai pistacchi. Si tratta pertanto di una ricetta vegetariana che può diventare a sua volta anche vegana se si andranno ad eliminare i formaggi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.