Ricetta rumena: zacusca con melanzane e peperoni

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La zacusca con melanzane e peperoni, originariamente ?Zacusca de Vinete si Arderi?, è un piatto tipico della cucina rumena. Nasce dall'esigenza di conservare la verdura fuori stagione e per tutto l'anno e possiamo prepararla con tantissimi altri ingredienti. Si tratta di una conserva di peperoni e melanzane, che possiamo mettere nei vasetti di vetro sterilizzati. In questo modo dura tranquillamente tutto l'anno ed è buona come appena fatta. Qui proponiamo la ricetta per fare tanti barattoli di zacusca, ma si possono anche ridurre le proporzioni per preparare una quantità pronta al consumo.

27

Occorrente

  • peperoni 8 kg
  • melanzane 5 kg
  • cipolla rossa 1 kg
  • pomodoro concentrato 300 gr
  • grani di pepe 10
  • olio di semi di girasole 500 ml
  • sale qb
37

Prima di tutto dobbiamo preparare le verdure per la zacusca rumena. Laviamo i peperoni e togliamo tutti i semi. Tagliamoli a grosse fette e arrostiamoli direttamente sul fuoco. Se ne abbiamo la possibilità utilizziamo la brace, altrimenti vanno bene anche i fornelli di casa. Tagliamo le melanzane a fettine e disponiamole sulla brace. In alternativa mettiamole in forno coperti con la carta stagnola. Lasciamole cuocere a 180° per circa 40 minuti, finché non diventeranno abbastanza molli. Una volta cotti dobbiamo privare sia le melanzane che i peperoni della pelle. Passiamo entrambi nel minipimer per ottenere una polpa omogenea.

47

Vediamo ora come preparare la zacusca vera e propria. Laviamo la cipolla e tagliamola finemente. Prendiamo una padella capiente e ricopriamo il fondo con un abbondante strato di olio di semi d girasole. Quando sarà ben caldo aggiungiamo la cipolla. Lasciamola cuocere finché non diventa dorata. Quindi aggiungiamo la polpa di melanzane e peperoni insieme al concentrato di pomodoro. Saliamo secondo il nostro gusto e aggiungiamo il pepe. Ricordiamoci che la zacusca diventerà più concentrata e, quindi, anche più salata. Ricopriamo tutto con l'acqua e abbassiamo il fuoco. Chiudiamo con il coperchio e lasciamo cuocere così per due ore circa. Ricordiamoci di girare di tanto in tanto per evitare che la zacusca rumena si attacchi al fondo.

Continua la lettura
57

Dopo due ore controlliamo che non ci sia più acqua nella zacusca. Qualora ancora fosse molto liquida possiamo alzare il fuoco e togliere il coperchio. Controlliamo la consistenza girando con un mestolo. Verifichiamo anche che non si attacchi nel fondo. Quando tutta l'acqua verrà assorbita la zacusca sarà finalmente pronta. Possiamo ora metterla dentro i barattoli per conservarla. Per assicurarci che non si rovini dobbiamo pastorizzarla. Mettiamo i barattoli ripieni di zacusca chiusi a bollire per 10 minuti in abbondante acqua. Per evitare che i barattoli si rompano possiamo mettere della carta di giornale. Possiamo mangiare la zacusca rumena direttamente fredda spalmandola sul pane o sui crostini.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • In alternativa all'olio di semi di girasole si può utilizzare anche l'olio extra vergine d'oliva
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucina Etnica

Ricetta: Malloreddus alle melanzane

I Malloreddus conosciuti anche con il nome di "gnocchetti sardi" sono un primo piatto tradizionale sardo. Sono simili a delle conchiglie completamente rigate. Gli gnocchetti sono grandi un paio di centimetri. Si preparano solo con acqua e farina di semola,...
Cucina Etnica

Come preparare le melanzane ripiene all'orientale

Le melanzane al forno ripiene di olive e capperi sono un piatto di origine libanese. Nella cucina orientale e medio-orientale le verdure sono presenti in numerosi piatti, anche di una relativa difficoltà. Molte ricette prevedono verdure ripiene come...
Cucina Etnica

Come fare le melanzane allo tzatziki

Lo tzatziki rappresenta un tipico piatto a base di yogurt, che proviene dall'antica tradizione greca e che, a ancora oggi, viene usato da moltissime popolazioni. Oltre ad essere ottimo come antipasto, questa salsa può accompagnare, nonché diventare...
Cucina Etnica

Come cucinare il cous cous con melanzane e menta

In questa guida vedremo una versione di un buon piatto in stile orientale. Il cous cous ha origini infatti dal nord Africa, anche se comunque, grazie alle colonizzazioni dei secoli scorsi, vi sono alcuni luoghi della Sicilia sud occidentale in cui è...
Cucina Etnica

Come preparare l'insalata di quinoa e melanzane

La quinoa, originaria del Sud America è uno degli alimenti più utilizzato e amato degli ultimi anni, grazie, molto probabilmente non solo alla diffusione di una educazione alimentare di stampo vegetariano-vegano quanto alle diverse caratteristiche e...
Cucina Etnica

Babaganoush: la ricetta originale

Il babaganoush è un piatto leggero e genuino del Medio Oriente. Gli ingredienti principali sono le melanzane, ma se non vi piacciono, andranno benissimo anche altre verdure. Il sapore di questo piatto è unico e particolare. Le melanzane ridotte in purea...
Cucina Etnica

Ricetta: empanadas con verdure

Le empanadas sono dei piatti tipici dell'America latina, che in base alla tradizione, dovrebbero essere state importate dagli spagnoli che avevano comprato l'arte di farcire il pane con la carne dai paesi arabi. In Perù ad esempio, si preparavano per...
Cucina Etnica

Ricetta bosniaca: Il Cevapcici

Il piatto che ci apprestiamo e trattare in questa guida è tipico della cucina Bosniaca. Il mischiarsi delle diverse etnie, però ha portato questa ricetta a diffondersi un po' in tutta la penisola balcanica e nelle regioni limitrofe, quali il Friuli-Venezia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.