Ricetta: sarde a beccafico

tramite: O2O
Difficoltà: facile
Ricetta: sarde a beccafico
16

Introduzione

Le sarde a beccafico rappresentano una delle ricette decisamente tra le più note e apprezzate della tradizione gastronomica siciliana, in particolare palermitana con alcune varianti catanesi e messinesi. La portata, perfetta da servire come prelibato secondo piatto o delizioso antipasto in un menù a base di pesce, è un gradevole equilibrio di sapori dato dall'incontro delle sarde con pinoli e uvetta, richiuse su se stesse e avvolte da un'appetitosa panatura fatta con il pane tostato. Per eseguire la ricetta, non vi rimane che mettervi ai fornelli e seguire con attenzione le indicazioni presenti nella guida: in pochi istanti le vostre sarde a beccafico saranno pronte per essere gustate in compagnia dei vostri più cari amici, magari in occasione di una cena in terrazzo durante una calda serata estiva.

26

Occorrente

  • 750 gr di sarde
  • 100 gr pangrattato
  • 60 gr di uvetta
  • 60 gr di pinoli
  • uno scalogno
  • prezzemolo
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • olio extravergine di oliva
  • foglie di alloro
  • succo di un limone
  • capperi
36

Per prima cosa, pulite accuratamente le sarde, rimuovendo la testa, le interiora e la lisca centrale. Ponetele, poi, sotto un getto di acqua corrente fredda e, al termine dell'operazione, praticate un taglio longitudinale, servendovi di una lama ben affilata. Assicuratevi che le due metà di pesce così ottenute siano ancora unite e aperte a libro, dopodiché disponetele su un piano. A questo punto, potrete dedicarvi alla preparazione del composto interno previsto dalla ricetta, immergendo prima di tutto l'uva passa in una bacinella di acqua tiepida per almeno 20 minuti, affinché si ammorbidisca.

46

In una pentola antiaderente, ponete a scaldare 2 cucchiai abbondanti di olio extravergine di oliva e versatevi una generosa manciata di pangrattato. Lasciate rosolare su fiamma moderata per alcuni minuti fino a quando la mollica di pane assumerà un bel colore dorato, avendo cura di mescolare di tanto in tanto e di evitare che si bruci. Successivamente, unite il pangrattato tostato ad un composto fatto di uvetta sultanina, uno scalogno pelato e tagliato a fette sottili, prezzemolo tritato finemente, sale, pepe, pinoli e capperi dissalati.

Continua la lettura
56

Amalgamati bene tutti gli ingredienti, distribuite il composto così ottenuto sulle sarde aperte, esercitando una leggera pressione con le dita in modo da far aderire perfettamente il ripieno. Arrotolate e fermate, quindi, ciascun involtino di pesce con uno stuzzicadenti, facendo attenzione a non far fuoriuscire la farcia e assicurandovi che la coda delle sarde sia rivolta verso l'alto. Disponete gli involtini su una pirofila leggermente unta, intervallandoli con una foglia di alloro. Spolverizzate le sarde a beccafico con altro pangrattato e irrorate con un'emulsione di olio extravergine e succo di limone. Fate cuocere in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 20 minuti e servite.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Potete anche friggere le sarde a beccafico in olio ben caldo, in alternativa alla cottura in forno.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesce

Involtini di spada a beccafico con zafferano

Se si vuole organizzare un pranzo o una cena e servire piatti a base di pesce, una ricetta originale per stupire gli ospiti consiste nel preparare gli involtini di pesce spada a beccafico con zafferano. Tale piatto trae origine dalla famosa preparazione...
Pesce

Come cucinare le sarde

Le sarde, pesce molto usato in cucina, sono tra le specie più diffuse nel mar Mediterraneo. Le sarde, dato l'elevato contenuto di omega 3 e di altre sostanze nutritive, vengono consigliate da nutrizionisti e cardiologi. Le sarde sono il pesce protagonista...
Pesce

Ricetta: sarde in carpione

Capita a tutti di avere ospiti a pranzo o a cena e di non sapere cosa preparare per sorprenderli e deliziarli. Spesso, rispolverare un piatto tipico della nostra tradizione può essere la mossa vincente. Fanno al caso nostro le sarde in carpione, una...
Pesce

Come preparare le acciughe al beccafico

La seguente ricetta spiegherà come preparare le acciughe al beccafico un piatto tipico della regione Calabria. Come ingrediente di base abbiamo le acciughe che verranno poi accompagnate da una croccante panatura di farina e da un ripieno di mollica...
Pesce

Ricetta: acciughe alla povera

Se intendete preparare una ricetta davvero gustosa e nello specifico un antipasto, potete optare per delle acciughe cosiddette alla povera. Si tratta di un piatto molto diffuso tra i pescatori dell'isola d'Elba e che viene particolarmente apprezzato...
Primi Piatti

Come preparare la pasta con le sarde alla palermitana

Questo è un piatto, come suggerisce il nome, originario della Sicilia e in particolare della zona di Palermo. La ricetta è molto antica e viene tramandata da generazioni, restando invariata nel tempo. In Sicilia infatti, sono molti i ristoranti e le...
Primi Piatti

Ricetta: Sarde beccaficu

Le sarde, con la loro carne gustosa e saporita, sono un pesce particolarmente versatile in cucina. In questo tutorial, vi proponiamo una deliziosa ricetta, tipica della tradizione siciliana. Si tratta delle sarde beccaficu, un secondo piatto appetitoso...
Primi Piatti

Come si fa la pasta con le sarde

In cucina vengono preparate molte ricette prelibate. Tra antipasto, prima portata, seconda portata, contorno e infine dessert, ci di può sbizzarrire. Per esempio possiamo preparare la pasta con il pesto fresco fatto in casa, o magari fare la lasagna....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.