Ricetta: seppie ripiene di rucola, pomodorini e capperi

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Una ricetta semplice e veloce da preparare e nel contempo davvero deliziosa, è sicuramente quella che prevede l'uso di seppie da farcire con rucola, pomodorini e capperi. L'elaborazione richiede una sequenza ben precisa, per ognuno degli ingredienti utilizzati. In riferimento a ciò, ecco una guida su come fare le seppie ripiene.

25

Occorrente

  • Seppie 600 gr.
  • Capperi 50 gr.
  • Pomodorini 200 gr.
  • Rucola 100 gr.
  • Salsa di pomodoro 200 ml.
  • Olio extravergine q.b.
  • Sale e peperoncino q.b.
35

Lavare le seppie

La prima operazione da fare consiste nell'acquistare delle seppie di media grandezza, dopodichè bisogna lavarle accuratamente, e poi con delle forbici da cucina praticare un piccolo taglio verticale in modo da eliminare l'inchiostro per risciacquarle anche nella parte interna. Fatto ciò, le adagiamo in un colapasta e le mettiamo un attimo da parte.

45

Farcire le seppie

A questo punto prendiamo dei pomodorini di collina del tipo a ciliegina, e dopo averli privati del torsolo, li sciacquiamo in abbondante acqua corrente. Adesso dopo scolati, aggiungiamo dei capperi evitando il sale essendo questi ultimi già conservati in salamoia. Fatto ciò, versiamo anche un filo di olio extravergine di oliva, dopodichè li mettiamo un attimo da parte. A questo punto laviamo la rucola e con una mezzaluna la tranciamo in più pezzi, per poi unirla al composto a base di pomodorini e capperi. Adesso possiamo ritornare sulle seppie, e quindi una per una le apriamo con le dita in corrispondenza del taglio praticato in precedenza, e all'interno aggiungiamo con l'aiuto di un cucchiaino i pomodorini conditi. Una volta completato il ripieno, le sigilliamo una ad una con uno stuzzicadenti per evitare che si possano aprire con la conseguenza perdita della farcitura. Terminata anche questa fase, non ci resta che completare la ricetta seguendo le linee guida descritte nel passo successivo.

Continua la lettura
55

Aggiungere del succo di pomodoro

Le seppie prima di essere servite in tavola vanno leggermente rosolate in padella, per cui in quest'ultima versiamo un filo di olio extravergine di oliva e delicatamente le adagiamo, girandole con una spatola da entrambi i lati, finché non appaiono sufficientemente dorate. A questo punto possiamo optare per due soluzioni; infatti, servirle in bianco ma in questo caso è necessario cuocerle per circa 20 minuti, facendole poi sfumare con del vino oppure aggiungere del succo di pomodoro. Nel caso abbiamo scelto quest'ultimo modo, allora in una padella cuociamo della salsa con del peperoncino, e quando è pronta vi adagiamo le seppie per alcuni minuti a fiamma bassa. Fatto ciò non ci resta che impiattarle, accompagnandole magari con un'insalata verde o con delle patate fritte.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesce

Ricetta: seppie ripiene

Le seppie ripiene sono uno tra i piatti più conosciuti ed amati della cucina tradizionale italiana presente soprattutto lungo le coste del sud. Semplice, gustoso e veloce da preparare, vi farà fare un ottima figura con amici e parenti. La ricetta che...
Pesce

Come fare le seppie ripiene di riso venere

Per portare in tavola tutto il profumo del mare, non è necessario essere dei provetti chef! Alcune ricette sono davvero semplici da preparare e ricche di gusto. Perché allora non divertirci a stupire i nostri commensali con un piatto veramente originale...
Pesce

3 secondi piatti con la seppia

Ospiti improvvisi hanno deciso di venire a cena da voi e non volete far brutta figura? Anche se il preavviso è pochissimo, ci sarà sempre la possibilità di stupire amici e parenti con qualche ricetta sfiziosa. Perché dunque non scegliete delle seppie,...
Consigli di Cucina

5 errori da evitare quando si cucinano le seppie

Le seppie sono uno dei molluschi più utilizzati in cucina, dai primi ai secondi ai contorni esistono migliaia di ricette che le riguardano, sia come elemento principale (come le seppie ripiene), sia come accompagnamento. Le seppie vengono inoltre ampiamente...
Pesce

Ricetta: Seppie alla Napoletana

La preparazione in cucina un buon piatto di pesce per molti rappresenta un vero e proprio muro invalicabile. In realtà approntare una ricetta a base di pesce è molto semplice. Basta seguire attentamente alcuni passaggi per evitare di compromettere il...
Pesce

Come preparare le seppie alla pizzaiola

Le seppie alla pizzaiola costituiscono un goloso secondo piatto gustoso e molto semplice da preparare. Procuratevi delle seppie fresche e di buona qualità presso il vostro pescivendolo di fiducia e dei pomodori ben maturi: questi due ingredienti sono...
Primi Piatti

Come preparare le orecchiette con radicchio, patate e seppie

Se intendiamo preparare un primo piatto particolare, possiamo cimentarci nella realizzazione di orecchiette condite con del radicchio, patate e seppie. Si tratta di una ricetta davvero gustosa e che se ben eseguita, rappresenta un ottimo modo per deliziare...
Primi Piatti

Come preparare il riso al sugo di seppie

Le seppie sono dei molluschi adatti per diverse ricette, sia come primi che come secondi piatti. Il dubbio principale sovviene nel momento della loro scelta: seppie fresche o surgelate? Nel primo caso è preferibile affidarsi alla propria pescheria di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.