Ricetta: sugo alle cozze

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

È il piatto preferito di chi apprezza il gusto di pesce e di chi viene a visitare Taranto, ma anche da chi ci vive o chi ne è originario. Mi viene già l'acquolina in bocca a pensarci.
Cosa c'è di meglio che farvi spiegare questa gustosa ricetta da una tarantina in trasferta? Il sugo alle cozze, accompagna e sostituisce egregiamente qualsiasi altro condimento abbiate in mente.
Va bene per l'insalata di pesce, un primo o un secondo di pesce, o un contorno.
Il trucco sta nel saper dosare ed inserire ingredienti a nostro piacimento, che diano il gusto che desideriamo.

26

Occorrente

  • cozze, prezzemolo, aglio, pomodori pelati o salsa ,sale, pepe.
36

Il periodo più indicato per l'acquisto delle cozze è l'intervallo dei mesi che vanno da fine gennaio inizio febbraio, fino ad aprile, qualche volta anche all'inizio di maggio. Ma oggi grazie agli allevamenti se ne trovano in tutto l'arco dell'anno. Per prima cosa bisogna pulire le cozze, tirando di scatto il bisso, e poi con un coltello staccare tutte le impurità dalla superficie. In un tegame mettere dell'olio e uno spicchio d'aglio e far soffriggere fino a che l'aglio non sarà biondo. Subito dopo aggiungere anche il sugo e un peperoncino piccolo, e far cuocere per una ventina di minuti.

46

Sgusciare le cozze e aggiungere al sugo, mescolando ogni tanto lasciando che cuociano per meno di dieci minuti. A questo punto il sugo è pronto e si può passare alla cottura della pasta. I formati possono essere diversi, si dallo spaghetto alla chitarra, cotto leggermente al dente e fatto mantecare alla fine con il sugo, o perché no un tubetto o mezza manica, magari con l'aggiunta di una bella manciata di prezzemolo tritato finemente, per non parlare poi di uno gnocchetto di farina fatto al momento che si sposa benissimo con il sugo alle cozze. In ogni caso lo spaghetto resta il re indiscusso del sugo con le cozze. Al piatto terminato si può aggiungere una manciata di pane sbriciolato e tostato, darà una croccantezza e un gusto che riporta alla tradizione pugliese.

Continua la lettura
56

Al momento di preparare il piatto, proporrei due modi di servire: consiglio le sperlunghe per gli spaghetti alla chitarra. Metterei al centro del piatto gli spaghetti contornati da una decina di cozze, magari scolate dal sugo, e rifinire con un mazzettino di prezzemolo e un po' di pepe. Nel piatto a coppa metterei i tubetti circondati da prezzemolo tritato finemente, e appoggiare distanziate l'una con l'altra, alcune cozze. Sono piatti semplici e genuini, che lasciano la scia a livello olfattivo e gustativo; ricordo di un giorno passato insieme.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • come pasta possiamo usare: spaghetti alla chitarra, o tubetti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucina Etnica

Come utilizzare i ceci in cucina

I ceci, appartengono alla famiglia delle Fabacee e il loro nome scientifico è cicer arietinum. Questo legume, proviene dall'oriente e più precisamente dalla Turchia: i ceci sono il legume più antico ed infatti i nostri avi, ne facevano un grande uso....
Cucina Etnica

Ricetta: sashimi di dentice

Il sashimi è una prelibatezza giapponese composta da carne cruda molto fresca o pesce tagliato a pezzi sottili. Questa prelibatezza giapponese deliziosamente semplice ma elegante è composta esclusivamente da pesce crudo molto fresco, nella nostra ricetta...
Cucina Etnica

Ricetta: il gulash

Il gulash è un secondo piatto della cucina ungherese molto conosciuto ed apprezzato anche nel resto d'Europa. In passato il gulash veniva mangiato dalla povera gente ma in epoche successive ha avuto enorme successo anche nelle famiglie borghesi in virtù...
Cucina Etnica

Ricetta: Malloreddus alle melanzane

I Malloreddus conosciuti anche con il nome di "gnocchetti sardi" sono un primo piatto tradizionale sardo. Sono simili a delle conchiglie completamente rigate. Gli gnocchetti sono grandi un paio di centimetri. Si preparano solo con acqua e farina di semola,...
Cucina Etnica

Ricetta belga: carbonade alla fiamminga

La carbonade è un piatto tipico del Belgio, che si contraddistingue per il fatto di avere tra i suoi ingredienti proprio la tipica birra belga, quella rossa e corposa, che serve a conferire alla ricetta, che è a base di carne, il suo sapore precipuo....
Cucina Etnica

5 piatti tipici da mangiare in Puglia

La Puglia è una regione incantevole che affascina italiani e turisti di tutto il mondo, oltre che per i suoi paesaggi ed il suo patrimonio artistico, anche per la sua cucina semplice e gustosa. La gastronomia del tacco d'Italia è caratterizzata da...
Cucina Etnica

Ricetta: Papas rellenas

Le Papas rellenas hanno origini peruviane dove rappresentano il piatto della cucina tradizionale. La ricetta delle Papas rellenas viene tramandata nelle varie generazioni subendo spesso anche delle modifiche. Ma cosa sono in realtà? Si tratta di polpette...
Cucina Etnica

Ricetta: cocido madrileño

La cucina non deve soltanto rappresentare piatti tradizionali. Ma, anche una sorta di conoscenza verso altri paesi. Esistono ricette che quasi mai, si può immaginare di poterle preparare. Poiché, la loro realizzazione può risultare difficile. Un altro...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.