Ricetta: taralli allo zucchero e vino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Preparare qualche ricetta in cucina è sicuramente un ottimo modo per sfruttare il proprio tempo in maniera utile e soprattutto produttiva. Potremmo, quindi, preparare una ricetta molto gustosa e deliziosa, adatta per ogni occasione. La ricetta dei taralli allo zucchero e vino è antichissima, si tramanda da generazione in generazione ed è tipica del Lazio, ma anche della Campania e della Puglia. I taralli in queste regioni vengono mangiati sia nella versione salata che dolce. Solitamente vengono preparati con il vino rosso, ma in questo caso si consiglia quello bianco, poiché ha un aroma più delicato e faciliterà il processo di doratura in superficie dei biscotti, durante la cottura in forno. La preparazione dei taralli allo zucchero e vino non richiede particolari procedure. Tutti, anche i meno esperti in cucina, possono cimentarsi nella loro preparazione.

26

Occorrente

  • 5 gr lievito di birra
  • 1 bicchiere olio evo
  • 1 bicchiere vino bianco
  • 500 gr farina 00
  • 150 gr zucchero semolato più quello per guarnire
  • q.b. acqua
36

Preparare l'impasto

Per la preparazione di questi deliziosi taralli non occorrono né uova o derivati del latte, ma solo mezzo chilo di farina. Per prima cosa ponete la farina a fontana sulla spianatoia e unitevi il lievito sciolto in poca acqua tiepida. Lavorate bene gli ingredienti, aggiungendo il bicchiere di vino, l'olio e i 150 grammi di zucchero. L'impasto ben amalgamato formerà delle bolle. Quindi mettetelo in un recipiente di vetro coperto da un panno, facendolo lievitare in un luogo asciutto per circa mezz'ora.

46

Realizzare i taralli

Trascorso il tempo di lievitazione, lavorate ancora la pasta per circa 10 minuti e formate dei lunghi e sottili cilindri, dai quali ritaglierete dei bastoncini di una dozzina di centimetri di lunghezza. Fate rotolare i bastoncini nello zucchero semolato avanzato (lo zucchero può essere anche di canna). Poi ripiegateli formando delle piccole ciambelle, che appiattirete leggermente con le mani. Per coloro che sono amanti dei semi di anice, potete anche mischiarli con lo zucchero. È possibile utilizzare questa sorta di impanatura per ogni ciambella, facendo in modo di farli aderire bene in superficie.

Continua la lettura
56

Cuocere i taralli in forno e servire

Sistemate i taralli sulla placca da forno, usando della carta sul fondo (questo per non farli appiccicare). Cuocete i biscotti in forno caldo a 220 gradi per un quarto d'ora circa, finché imbiondiscono. I taralli zucchero e vino sono ottimi come dessert, con il tè, la cioccolata o il vin santo. L'ideale è inzupparli in un passito o anche sorseggiando una grappa barrique. È possibile conservarli più di quindi giorni chiusi in una scatola di latta e per la loro semplicità e bontà, sono ideali se consumati da soli, come snack da sgranocchiare durante la giornata. È il caso di dire che uno tira l'altro!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • A piacere si possono aggiungere all'impasto dei semi di anice
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Ricetta: taralli al sesamo e limone

Se avete fatto di recente un viaggio o una gita fuori porta in Puglia, non potete non aver assaggiato i celebri taralli, delle saporite ciambelline cotte al forno che possono essere preparate in moltissimi modi differenti. I taralli sono diventati un...
Pizze e Focacce

Come preparare i taralli sugna e pepe

Come preparare i taralli sugna e pepe? Stiamo parlando di prodotti davvero deliziosi. Tipico di regioni del Sud Italia quali Puglia, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia, il tarallo e tarallino è un cibo da forno. In virtù della sua elevata rilevanza...
Antipasti

Come fare i taralli al pepe

State pensando a qualcosa di sfiziosi per i vostri amici e non sapete cosa preparare? Niente paura. La soluzione potrebbe essere immediata e facile da fare. Per accompagnare un buon aperitivo in casa potreste provare i taralli al pepe. Vi state chiedendo...
Dolci

Come fare i taralli glassati

Preparare i dolci in casa è un'attività sicuramente molto rilassante e salutare, anche perché consente di utilizzare degli ingredienti genuini e sani. Chi, almeno una volta, non ha provato a cimentarsi in quest impresa? Preparare dei piatti tipici,...
Antipasti

Come preparare i taralli integrali

Se volete preparare qualcosa di delizioso da proporre assieme all’aperitivo o da servire in tavola come antipasto assieme a salse di vari tipi, ecco a voi la ricetta che vi illustrerà come preparare i taralli integrali. Sono molto semplici da realizzare...
Antipasti

Come preparare i bicchierini di stracciatella, rucola e taralli

La cucina italiana è ricca di ricette, alcune della tradizione, altre più moderne e rivisitate. Per soddisfare tutti i palati è possibile creare un menù articolato e particolare che possa piacere a tutti i commensali. Oggi va molto di moda il finger...
Consigli di Cucina

Come preparare i taralli con la pasta madre

I taralli sono pietanza tipica di una regione del sud Italia, ovvero la Puglia. Le versioni più canoniche dei taralli sono salate e sono condite con del peperoncino o dei semi di finocchio. In questa guida vedremo proprio come poter preparare i taralli...
Cucina Etnica

Come utilizzare i semi di finocchio

I semi di finocchio sono una spezia dal gusto particolarmente dolce, che si avvicina molto a quello dell'anice. Sono ricchi di fibre, di calcio e di rame. Il loro consumo è particolarmente indicato per chi ha problemi digestivi. Hanno proprietà antiossidanti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.