Ricetta: tempura di polpo e salsa piccante

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se per deliziare il palato dei vostri familiari o di eventuali ospiti che avete invitato a cena, intendete preparare qualche ricetta particolare e nel contempo gustosa, allora vi conviene optare per una tempura di polpo e salsa piccante. Si tratta di una sorta di pastella a base di acqua e farina che serve per friggere verdure e soprattutto gamberi, calamari e polpi. In riferimento a ciò, ecco dunque alcuni utili consigli su come procedere.

26

Occorrente

  • Polo 500 gr.
  • Cipolle 2
  • Pomodori 300 gr.
  • Carote 150 gr.
  • Peperone 1
  • Aglio 1
  • Peperoncino q.b.
  • Sale e pepe q.b.
  • Farina 150 gr.
  • Birra 50 ml.
36

Tagliare il polpo

Per iniziare, prendete il polpo e dopo averlo abbondantemente sciacquato, pulitelo praticando uno spacco giusto al centro della sacca in modo da eliminare il classico inchiostro. Fatto ciò, tagliatelo a pezzettini, risciacquatelo di nuovo e poi adagiatelo in una vassoio. Nel frattempo procedete con il taglio di alcuni ortaggi, e nello specifico dei pomodori che ridurrete a pezzi, dopodiché sbucciate la cipolla e pelate le carote tagliando entrambi a cubetti.

46

Preparare la salsa

Adesso prendete un peperone giallo, liberatelo dal torso e dai semi e poi tagliatelo a coste sottili. A questo punto sbucciate anche l?aglio e dividetelo giusto a metà, facendo la stessa operazione con del peperoncino triturandolo però finemente. Fatto ciò, preparate la salsa piccante, per cui in una padella abbastanza larga ed alta (magari un wok), fate rosolare per circa una decina di minuti la cipolla, le carote e il peperone, aggiungendo poi gradualmente anche l?olio d?oliva, il peperoncino e l?aglio. In attesa che gli ortaggi si cuociano alla perfezione, versate anche dell?aceto bianco e fatelo sfumare del tutto. A questo punto aggiustate il composto di sale e pepe, e poi proseguite con la cottura per altri 5 minuti a fuoco basso. Trascorso tale tempo versate anche i pomodori, e ricoprite la padella con il coperchio lasciando cuocere il tutto per almeno un'altra decina di minuti, prima di spegnere definitivamente la fiamma.

Continua la lettura
56

Friggere il polpo con la tempura

A questo punto avendo preparato alcuni fondamentali ingredienti, dedicatevi alla tempura. Per elaborarla mescolate la farina con la birra, dopodiché asciugate il polipo, infarinatelo e poi adagiatelo nella tempura e fatelo friggere con olio di semi di arachide o di girasole, fin quando la parte esterna non diventa dorata e croccante. Man mano, adagiate i pezzi pronti in un piatto da portata opportunamente foderato con carta assorbente. L?ultimo passo che vi resta da compiere è quello di impiattare la tempura di polpo, e condirla con la salsa piccante preparata in precedenza.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucina Etnica

Ricetta: quinoa con zenzero e polpo

La quinoa con zenzero e polpo è una gustosa ricetta estiva, che può essere trasformata in un piatto totalmente vegano se provvederete a sostituire il mollusco grigliato e caramellato con il tofu. Le dosi sotto indicate vi consentiranno di preparare...
Cucina Etnica

Ricetta: tempura mista di pesce e verdure

La cultura orientale in Italia sta entrando sempre più nella vita quotidiana delle persone e ciò avviene soprattutto nell'ambito culinario. La gastronomia dei giapponesi riesce ad abbinare i prodotti del mare a quelli di terra riuscendone a dare il...
Cucina Etnica

Ricetta: tempura giapponese senza glutine

Ultimamente va molto di moda frequentare nuove tipologie di cucine, per provare sapori nuovi e diversi dalle nostre classiche tradizioni. Sicuramente una cucina che sta prendendo sempre più piede negli ultimi anni è quella giapponese. Come ben si sa...
Cucina Etnica

Ricetta: salsa enchilada

Chi ama la cucina etnica conoscerà di sicuro la salsa enchilada. Originaria del Messico questa salsa è ormai famosa ed apprezzata in tutto il mondo. È una tipica salsa piccante e deve il suo nome al fatto che è usata per condire le enchiladas, un...
Cucina Etnica

Come preparare la pastella per la tempura

La tempura è una piatto della tradizione giapponese che consiste nell'impastellare e friggere verdure, code di gambero o calamari. Nonostante si tratti di frittura, il piatto è fresco e delicato, grazie soprattutto alla pastella molto leggera e croccante....
Cucina Etnica

Come preparare le seppie in tempura al pepe

Il pesce come tutti sanno, è un ingrediente dalle grandi proprietà, dal sapore piacevole e dal gusto raffinato, soprattutto se viene preparato nella maniera giusta. Esistono molte ricette che prevedono la cottura del pesce in olio bollente, che regalano...
Cucina Etnica

Come fare la tempura di pesce alla giapponese

Al giorno d'oggi la cucina giapponese sta riscuotendo molto successo in numerose parti del mondo. Si tratta infatti di una tradizione culinaria caratterizzata da piatti davvero gustosi e leggeri e adatti per essere consumati in diverse occasioni. Una...
Cucina Etnica

Ricetta: noodles in salsa agrodolce

I noodles sono un primo piatto tipico dei paesi dell'Oriente, molti simili come forma ai nostri spaghetti ma soltanto leggermente più doppi. La caratteristica è che durante la fase di cottura rimangono immersi in un brodo con dell'acqua, mentre il condimento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.