Ricetta: ziti ai calamari

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se al mercato abbiamo acquistato dei calamari freschi, ed intendiamo cucinarli in un modo diverso dalla classica frittura, possiamo pulirli e poi preparare un gustoso sugo, ideale per condire della pasta possibilmente rigata come ad esempio gli ziti. A tale proposito, ecco le istruzioni su come elaborare questa raffinata ricetta.

25

Occorrente

  • Ziti 400 gr.
  • Calamari 500 gr.
  • Pomodorini di collina 300 gr.
  • Aglio 1
  • Olio extravergine d'oliva 50 ml.
  • Peperoncino q.b.
  • Prezzemolo q.b.
  • Vino bianco 50 ml.
35

Per prima cosa prendiamo i calamari e sotto l'acqua corrente li puliamo all'esterno rimuovendo la classica pellicina marroncina, e poi facciamo la stessa cosa all'interno, estraendo l'ossicino che in genere è sottile e molto simile alla plastica, oltre che al tipico inchiostro presente nella sacca. Fatto ciò, prendiamo delle forbici e ad ogni singolo calamaro, tagliamo degli anelli riponendoli in un colapasta.

45

A questo punto sul fuoco mettiamo un'ampia padella, con all'interno dell'olio extravergine di oliva e dell'aglio che facciamo soffriggere. Quando quest'ultimo diventa biondo, possiamo anche asportarlo, per evitare che possa annerirsi eccessivamente ed emanare poi uno sgradevole sapore. Adesso aggiungiamo del peperoncino sminuzzato, oppure della paprika in polvere. Fatto ciò laviamo accuratamente dei pomodorini di collina, ed uno ad uno li aggiungiamo nella padella per farli cuocere e diventare piuttosto mollicci. Per massimizzare il risultato possiamo inserire nel composto anche un piccolo quantitativo di concentrato di pomodoro, in modo da ottenere una maggiore amalgama. A questo punto versiamo i calamari precedentemente tagliati ad anelli, e li facciamo cuocere il tempo necessario (circa 30 minuti), aggiungendo man mano dell'acqua o del succo di pomodoro. Tuttavia il consiglio ulteriore è di versare gradualmente del vino bianco secco, e farlo poi lentamente evaporare.

Continua la lettura
55

Qualche minuto prima che la cottura dei calamari abbia fine, facciamo bollire l'acqua in una pentola e quando raggiunge la temperatura ottimale, versiamo gli ziti facendoli cuocere per circa 10 minuti e non oltre, in modo che risultino gradevolmente al dente. A questo punto li scoliamo e li adagiamo in una zuppiera di porcellana, versando metà del sugo a base di calamari precedentemente preparato. Il passo finale prevede la preparazione dei piatti da portata, e su ognuno di essi si aggiungono un paio di cucchiai del restante sugo, oltre che del prezzemolo finemente tritato. Gli ziti con i calamari si possano adesso servire in tavola, accompagnati da un buon bicchiere di vino bianco di tipo asprino.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Ziti alla pugliese al forno: ricetta tradizionale

La ricetta tradizionale degli Ziti alla pugliese al forno è una vera e propria delizia. Gusterete una pasta a dir poco fantastica, che si scioglie in bocca. Le due tipologie di carne andranno a creare un sugo corposo ma delicato nello stesso tempo. Gli...
Primi Piatti

Ricetta: ziti spezzati con finferli al bacon

Comporre dei primi piatti è molto semplice perché solitamente, sono più facili da condire con diverse tipologie di sughi succulenti e sfiziosi. Trai i vari tipi di pasta che possono essere utilizzati per creare una ricetta davvero particolare, è possibile...
Primi Piatti

Ricetta: zuccotto di ziti alla zucca

La ricetta dello zuccotto di ziti alla zucca serve ha preparare un ottimo piatto da consumare per un invito improvviso, da poter preparare e mettere in tavola con un effetto scenico importante. Può essere usato anche per piatto unico a cui fa seguito...
Primi Piatti

Come fare gli ziti al forno

Per chi non lo sapesse, gli ziti sono un tipo di pasta lunga, che si presta a tantissimi condimenti, compreso il ragù di carne. Nel dettaglio all'interno di questo tutorial vi mostrerò come preparare gli ziti al forno: si tratta di un piatto ricco di...
Primi Piatti

Come preparare gli ziti alla salsa di spinaci con seppie

Se volete stupire parenti e amici con un primo piatto che coniuga alla perfezione tradizione e innovazione, ecco a voi gli ziti alla salsa di spinaci con seppie. La consistenza e la forma degli ziti rendono questo formato di pasta particolarmente versatile....
Primi Piatti

Ricetta: calamari al salmone e gamberetti

Se volete preparare un pranzo o una cena ricca di gusto, dovete fare un secondo speciale! Il pesce è un alternativa valida e sempre vincente. Infatti, potete scegliere tantissimi generi e abbinarli anche insieme. Una delle varietà che potete abbinare...
Primi Piatti

Ricetta: polenta ai calamari

Per riscaldare le fredde giornate invernali, perché non portare in tavola una ricetta antica ma dal sapore prelibato come la polenta? Una preparazione povera, ma capace di soddisfare anche i palati più esigenti! La ricetta classica la vuole accompagnata...
Primi Piatti

Ricetta: risotto alla menta con piselli e calamari

Il risotto è uno dei piatti più succulenti e più amati della cucina italiana. Molti sono gli ingredienti che possono essere utilizzati per la preparazione di un ottimo risotto. È possibile combinare insieme più ingredienti per creare un risotto delicato,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.