Ricette: sugo di lepre

tramite: O2O
Difficoltà: facile
Ricette: sugo di lepre
15

Introduzione

Le carni utilizzate nella cucina italiana sono davvero numerose, anche se tuttavia quelle più impiegate per la preparazione delle ricette più note sono quelle di maiale, di mucca, di pollo e di tacchino. In realtà, ci sono alcune carni che, pur essendo poco conosciute e rinomate, contengono comunque molte proteine e calorie ed hanno un bassissimo contenuto di grassi. Di queste fa parte sicuramente la carne di lepre, che appartiene alla categoria delle carni nere, nonché alla selvaggina da pelo; con questo tipo di carne è possibile preparare tantissime ricette, anche perché da essa si ricava un gustosissimo sugo. Attraverso i passi della seguente guida vedremo proprio come preparare il sugo di lepre.

25

Occorrente

  • Lepre
  • vino rosso
  • vino bianco
  • aceto
  • mix di odori
  • pomodoro pelato
  • olio extra vergine d'oliva
  • poco sale
35

Condimento

Prima di tutto dobbiamo fare una premessa. La lepre è selvaggina e quindi non può essere consumata subito, a meno che non sia stata acquistata al supermercato. La carne deve essere frollata prima di essere cucinata, in modo che diventi più tenera e più digeribile. Per fare ciò occorre farla riposare a una temperatura tra lo zero e i quattro gradi, per circa dieci giorni, dopo la macerazione. Fatto questo, tagliamo la lepre a pezzi non troppo grandi e mettiamoli in una insalatiera con un litro si vino rosso, un bicchiere d'aceto e un mix di odori. Ideali sono: rosmarino, cipolla, 4 spicchi d'aglio, salvia, alloro, limone a metà, sedano e carota.

45

Preparazione

Ad un esame olfattivo deve non risultare presente il tipico odore di selvaggina. Quindi asciughiamo con un canovaccio pulito la carne. Prendiamo una pentola media e versiamo 4 cucchiai di olio e 3 spicchi d'aglio tagliati a metà. Cuciniamo il tutto a fuoco lento per non bruciarli. Aggiungiamoci un bel battuto composto da: cipolla, sedano, carota, rosmarino, alloro e salvia. Continuiamo la cottura per altri 5 minuti, sempre mescolando e naturalmente a fuoco lento.

Continua la lettura
55

Cottura

Trascorsi i 5 minuti, mettiamo la carne di lepre e cuciniamola fino a che non risulti ben rosolata. Prendiamo dell'ottimo vino bianco o se preferite del buon vino rosso e poco alla volta lo aggiungiamo al nostro manicaretto. Per il momento non saliamo la carne per non indurirla. Proseguiamo la cottura per almeno 30 minuti. Quando si sarà formata una buona salsa cremosa, versiamo 1 kg di pomodoro passato e aggiustiamo di sale, facendo attenzione perché in genere la selvaggina è più sapida della carne che consumiamo tutti i giorni. Proseguiamo la cottura per almeno 60 minuti a fuoco basso e con la pentola coperta, mescolando di tanto in tanto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Come preparare le pappardelle al sugo di lepre

Le pappardelle al sugo di lepre sono un piatto tipico della cucina toscana. Per la realizzazione di questa ricetta occorre molta pazienza in quanto essa necessita di una lunga cottura. Logicamente per avere un'ottima riuscita delle pappardelle al sugo...
Carne

Come preparare la lepre in agrodolce

Tanti piatti sono in grado di rendere un pranzo o una cena speciale. Tra questi, segnaliamo la lepre in agrodolce. Stiamo parlando di un secondo di carne molto sfizioso, un corretto mix tra il sapore deciso della lepre con l'aceto aspro e il dolce dei...
Carne

Come cucinare lo stufato di lepre

La lepre è un animale che per anatomia somiglia moltissimo al coniglio ma presenta una carne più morbida. Nella guida vedremo come preparare lo stufato di lepre: è un piatto che può presentarsi completo se viene accompagnato da alimenti come le patate...
Carne

3 segreti per cuocere la selvaggina

Chi si reca a fare battute di caccia per procurarsi selvaggina, si troverà poi a dover cucinare le prede con fatica conquistate, pratica che si rivela un po' diversa dalla cucina comune, soprattutto a riguardo della cottura, ma anche in base all'esemplare...
Carne

Come preparare il pasticcio di cacciagione

L'inverno ben si presta alla realizzazione di piatti più calorici rispetto a quelli che si cucinano nella stagione calda, nella quale si tende a preparare ricette più leggere e meno grasse. Nelle fredde notti d'inverno ci si può così sbizzarrire con...
Carne

Ricetta: pollo ai germogli di soia

A volte capita di voler ospitare a casa propria amici e parenti e di volerli stupire con una ricetta unica e particolare, che possa soddisfarli a pieno. Fortunatamente esistono numerosi piatti gustosi da preparare, come ad esempio le lasagne alla bolognese,...
Cucina Etnica

Ricetta: empanadas con verdure

Le empanadas sono dei piatti tipici dell'America latina, che in base alla tradizione, dovrebbero essere state importate dagli spagnoli che avevano comprato l'arte di farcire il pane con la carne dai paesi arabi. In Perù ad esempio, si preparavano per...
Carne

Come condire la carne di selvaggina

Ecco come condire la carne di selvaggina.La selvaggina costituisce quell'insieme di fauna commestibile dall'uomo e che in genere è preda dei cacciatori, ma che in certi casi può essere allevata a questo scopo, come il coniglio, che si può acquistare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.