Ricette: sugo di lepre

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
Ricette: sugo di lepre
16

Introduzione

Le carni utilizzate nella cucina italiana sono davvero numerose, anche se tuttavia quelle più impiegate per la preparazione delle ricette più note sono quelle di maiale, di mucca, di pollo e di tacchino. In realtà, ci sono alcune carni che, pur essendo poco conosciute e rinomate, contengono comunque molte proteine e calorie ed hanno un bassissimo contenuto di grassi. Di queste fa parte sicuramente la carne di lepre, che appartiene alla categoria delle carni nere, nonché alla selvaggina da pelo; con questo tipo di carne è possibile preparare tantissime ricette, anche perché da essa si ricava un gustosissimo sugo. Attraverso i passi della seguente guida vedremo proprio come preparare il sugo di lepre.

26

Occorrente

  • Lepre
  • vino rosso
  • vino bianco
  • aceto
  • mix di odori
  • pomodoro pelato
  • olio extra vergine d'oliva
  • poco sale
36

Condimento

Prima di tutto dobbiamo fare una premessa. La lepre è selvaggina e quindi non può essere consumata subito, a meno che non sia stata acquistata al supermercato. La carne deve essere frollata prima di essere cucinata, in modo che diventi più tenera e più digeribile. Per fare ciò occorre farla riposare a una temperatura tra lo zero e i quattro gradi, per circa dieci giorni, dopo la macerazione. Fatto questo, tagliamo la lepre a pezzi non troppo grandi e mettiamoli in una insalatiera con un litro si vino rosso, un bicchiere d'aceto e un mix di odori. Ideali sono: rosmarino, cipolla, 4 spicchi d'aglio, salvia, alloro, limone a metà, sedano e carota.

46

Preparazione

Ad un esame olfattivo deve non risultare presente il tipico odore di selvaggina. Quindi asciughiamo con un canovaccio pulito la carne. Prendiamo una pentola media e versiamo 4 cucchiai di olio e 3 spicchi d'aglio tagliati a metà. Cuciniamo il tutto a fuoco lento per non bruciarli. Aggiungiamoci un bel battuto composto da: cipolla, sedano, carota, rosmarino, alloro e salvia. Continuiamo la cottura per altri 5 minuti, sempre mescolando e naturalmente a fuoco lento.

Continua la lettura
56

Cottura

Trascorsi i 5 minuti, mettiamo la carne di lepre e cuciniamola fino a che non risulti ben rosolata. Prendiamo dell'ottimo vino bianco o se preferite del buon vino rosso e poco alla volta lo aggiungiamo al nostro manicaretto. Per il momento non saliamo la carne per non indurirla. Proseguiamo la cottura per almeno 30 minuti. Quando si sarà formata una buona salsa cremosa, versiamo 1 kg di pomodoro passato e aggiustiamo di sale, facendo attenzione perché in genere la selvaggina è più sapida della carne che consumiamo tutti i giorni. Proseguiamo la cottura per almeno 60 minuti a fuoco basso e con la pentola coperta, mescolando di tanto in tanto.

66

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Carne

Come cucinare la lepre alla toscana

La lepre, sia in umido che trasformata in ragù, è sempre un piatto succulento, tipico della civiltà contadina. Ancora più buona se preparata con largo anticipo e riscaldata, la lepre alla toscana viene spesso associata alle pappardelle e si accompagna...
Carne

Come preparare la lepre in agrodolce

Tanti piatti sono in grado di rendere un pranzo o una cena speciale. Tra questi, segnaliamo la lepre in agrodolce. Stiamo parlando di un secondo di carne molto sfizioso, un corretto mix tra il sapore deciso della lepre con l'aceto aspro e il dolce dei...
Carne

Come cucinare lo stufato di lepre

La lepre è un animale che per anatomia somiglia moltissimo al coniglio ma presenta una carne più morbida. Nella guida vedremo come preparare lo stufato di lepre: è un piatto che può presentarsi completo se viene accompagnato da alimenti come le patate...
Carne

Come cucinare la lepre in salmì

In cucina anche il cibo derivante da animali, ottiene ottimi risultati dal punto di visto del palato e del gusto. Esso è rappresentato anche dalla lepre, appartenente alla famiglia della selvaggina da pelo, può essere mangiata freschissima o anche dopo...
Carne

Ricetta: coniglio selvatico al sugo

Se si compra un coniglio selvatico è fondamentale saperlo cucinare in modo adeguato. In questo caso si può percepire il suo tipico gusto che lo rende diverso da quello d'allevamento. Le ricette a base di questa carne bianca sono svariate; esse consentono...
Carne

Ricetta: polpettone al sugo

Il polpettone è un secondo piatto che si può cucinare in diverse modalità e impiegando ingredienti differenti. L'ingrediente di base, di solito, è la carne macinata, che dev'essere di prima scelta, si aggiunge poi pane raffermo bagnato e strizzato,...
Carne

Come cucinare il sugo al capriolo

Cucinare dei piatti a base di carne non è sicuramente facilissimo, ma non è neanche così difficoltoso come può sembrare a primo impatto. Le tipologie di carne da cucinare sono numerose e variano anche gli ingredienti da abbinare alla carne. Una delle...
Carne

Come preparare le polpette al sugo

Le polpette al sugo sono la tipica "ricetta della nonna": un piatto gustoso e senza fronzoli, con pochi ingredienti semplici, che chiunque è in grado di preparare ed interpretare secondo il suo gusto con piccole varianti... Ma soprattutto è un piatto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.