Risotto all'uva fragola con champagne

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Preparare un buon risotto è sicuramente abbastanza difficoltoso per chi non è abituato a stare tra i fornelli. I passaggi perfetti per creare un risotto, devono essere eseguiti in maniera meticolosa per non sbagliare nulla. Uno dei risotti più difficili da preparare ma più buoni da gustare, è sicuramente quello all'uva fragola, sfumato con un bicchiere di champagne. In questa guida attraverso una breve lista, vi mostreremo tutti i passaggi necessari per preparare questo meraviglioso risotto. Attraverso questi passaggi non sbaglierete nulla e preparerete un piatto davvero formidabile.

26

Iniziare con l'uva

Il procedimento per preparare questo risotto, inizia sicuramente con la pulizia dell'uva fragola. Si tratta di un'uva molto piccola e dolce, paragonata al sapore di una gustosa fragola. Togliete tutti i semini dagli acini dell'uva e lavateli sotto l'acqua corrente. Passateli attraverso una macchinetta per fare la salsa di pomodoro e create una sorta di passata di uva. Con un colino setacciate la vostra passata fino a rimuovere ogni traccia di grumo dall'uva.

36

Preparare il soffritto

Il secondo passaggio fondamentale per preparare questo risotto, consiste nel creare un perfetto soffritto che farà da base al risotto. Tagliate un porro dopo averlo ben lavato sotto l'acqua corrente e aggiungetelo all'interno di una padella con un filo di olio extravergine d'oliva. Lasciate soffriggere per pochi minuti il porro e poco per volta, aggiungete il riso per farlo tostare. Sfumate il riso dopo pochi minuti con un bicchiere di champagne.

Continua la lettura
46

Creare il brodo vegetale

Una volta che il riso si sarà ben tostato, dovrete "allungare" l'olio creando un brodo vegetale. Dovrete infatti far bollire in una pentola a parte delle carote spezzettate, un po' di sedano e qualche cipolla spezzettata. Il brodo servirà per ammorbidire il riso e dovrà essere aggiunto con un mestolo quando vedrete il riso troppo asciutto e secco.

56

Cuocere bene il riso

Il riso dovrà essere quasi perfettamente cotto prima di aggiungere il vostro succo di uva fragola. Assaggiate il riso dopo averlo sfumato con lo champagne e dopo averlo ammorbidito più volte con il brodo vegetale. Quando vi sembrerà abbastanza cotto, terminate la cottura aggiungendo il succo di uva fragola che non solo darà un sapore dolce particolare al riso, ma darà anche un colore tendente al rosso.

66

Impiattare il riso

Terminati questi passaggi tecnici per la preparazione del riso, non vi resta che aggiungere qualche noce di burro e impiattare il riso. Prendete un vassoio ovale e versate il vostro riso al suo interno. Aggiungete qualche acino d'uva intero al centro del riso e il piatto sarà pronto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Come preparare il risotto allo champagne

In questa breve guida parleremo di nuova e gustosa ricetta, che potremo comodamente realizzare nella nostra cucina, in occasione di una cena importante. Vediamo insieme come poter preparare, con gusto e stile, un buonissimo risotto allo champagne, da...
Primi Piatti

Ricetta: risotto con scampi e champagne

Il risotto con scampi sfumato allo champagne è un piatto adatto alle occasioni speciali e alle serate particolari, come Natale o Capodanno. La sua forza sta nell'accostamento tra il sapore delicato degli scampi, che richiama l'atmosfera di una serata...
Primi Piatti

Come preparare il risotto con castagne e champagne

Il risotto con castagne e champagne è il primo piatto ideale per una cena autunnale. È abbastanza semplice da preparare e ha un gusto particolarmente delicato. Il suo aroma di castagne è irresistibile sia per gli adulti che per i bambini. Infatti,...
Primi Piatti

Ricetta: Risotto con uva e fontina

La pasta rappresenta l'alimento per eccellenza della cucina italiana, ritenuta la migliore a livello mondiale dalla stragrande maggioranza delle persone. I condimenti da poter utilizzare sono veramente numerosi, dunque riescono ad accontentare quasi tutti....
Primi Piatti

Come preparare il risotto con uva marinata al porto

Un primo piatto succulento e raffinato, con tutta la bontà del riso e il vigore del porto. Si potrebbe definire così, in poche parole, il risotto con uva marinata al porto, piatto tradizionale di una cucina di alta scuola. La preparazione di questo...
Primi Piatti

Ricetta: risotto all’uva e gorgonzola

Se in occasione di un pranzo o di una cena avete intenzione di sorprendere i vostri ospiti con una ricetta innovativa e nel contempo originale, potete optare per un risotto all'uva e gorgonzola. Si tratta di un piatto che non è difficile da preparare,...
Primi Piatti

Ricetta: risotto alle sogliole

Se vogliamo preparare un primo piatto originale e dal gusto davvero innovativo e delicato, questa ricetta è proprio quello che fa al caso nostro. Molte volte, sicuramente, avremo assaporato dei risotti di mare conditi con pesce spada, frutti di mare...
Primi Piatti

Trofie alle castagne e uva: ricetta

La ricetta delle trofie alle castagne e uva è perfetta per la stagione fredda. Il sapore deciso delle castagne si sposa alla perfezione con la dolcezza della frutta. Particolare e raffinato, questo piatto andrà bene anche per le occasioni importanti....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.