Strozzapreti con cavolfiore e guanciale

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se intendiamo preparare un tipo di pasta insolito e con un condimento altrettanto diverso da quello abituale, non c'è niente di meglio che realizzare in casa o acquistarli già confezionati gli strozzapreti, conditi poi con cavolfiore e guanciale. Si tratta infatti di una ricetta molto in voga nell'Italia centrale ed in particolare nell'Emilia Romagna, che vale la pena provare in quanto molto gustosa. Nei passi successivi di questa guida, vediamo dunque come preparare questo raffinato primo piatto.

25

Occorrente

  • Cavolfiore 1
  • Guanciale 200 gr.
  • Aglio 1
  • Peperoncino 1
  • Olio q.b.
  • Pecorino 100 gr.
  • Strozzapreti 500 gr.
  • Pangrattato 50 gr.
35

Indipendentemente se abbiamo optato per gli strozzapreti secchi o freschi disponibili nei negozi di alimentari, oppure realizzati velocemente in casa con acqua e farina, la cosa importante è preparare in modo adeguato il condimento. Premesso ciò, vediamo in sequenza come procedere, per l'elaborazione di questa ricetta.

45

Per prima cosa prendiamo un cavolfiore che va dunque pulito dalle foglie esterne, dopodichè con le mani oppure aiutandoci con un coltello da cucina molto affilato, lo tagliamo prima in quattro parti e poi a listarelle, dopodichè va accuratamente lavato e poi bollito in acqua e sale per circa mezz'ora. Quando ciò avviene, prendiamo una padella abbastanza larga, e all'interno versiamo dell'olio di oliva insieme ad uno spicchio di aglio e del peperoncino. Una volta ottenuto un piccolo soffritto, versiamo il cavolfiore in precedenza lessato e scolato in un colapasta, dopodichè ricopriamo la padella con un coperchio e lo facciamo cuocere a fiamma bassa, rigirandolo di tanto in tanto. A questo punto, in un'altra padella più piccola facciamo rosolare del guanciale per circa cinque minuti, opportunamente tagliato a cubetti sottili.

Continua la lettura
55

Quest'ultimo lo uniamo poi completo di sugo al cavolfiore, e dopo averlo fatto cuocere per altri cinque minuti, possiamo spegnere la fiamma. Adesso mettiamo sul fuoco una pentola abbastanza alta, e appena bolle l'acqua versiamo gli strozzapreti che se freschi nel giro di 3-4 minuti saliranno a galla, il che significa che sono quasi pronti. A questo punto li scoliamo, e li adagiamo in una zuppiera, aggiungendo poi il composto a base di cavolo e guanciale che alla fine serviamo in tavola, con un'abbondante spruzzata di pecorino grattugiato misto a del peperoncino finemente tritato. Infine un ulteriore consiglio, è di cospargere il singolo piatto con del pangrattato e inserirlo nel forno a microonde per alcuni minuti, ottenendo in tal modo gli strozzapreti come una sorta di gratin.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Come cucinare gli strozzapreti

Gli strozzapreti sono un tipo di pasta povera tipica della cucina emiliana. Il loro caratteristico nome dovrebbe derivare dal fatto che sono talmente buoni che quando li si mangia se ne fa letteralmente una scorpacciata: la ricetta affonda le sue origini...
Primi Piatti

Come preparare gli strozzapreti con verza e lenticchie

Se siete alla ricerca di un primo piatto gustoso che possa però essere preparato in pochi minuti, ecco a voi gli strozzapreti con verza e lenticchie. Sono ottimi da gustare caldi assieme a un bicchiere di vino rosso ben strutturato a temperatura ambiente....
Primi Piatti

Come fare gli strozzapreti al sugo di polpo

Molte volte accade di dover organizzare un pranzo o una cena con i propri amici e parenti, ma di non sapere cosa cucinare. Utilizzando un computer e una connessione ad internet, potrete facilmente reperire moltissime ricette, in modo da preparare qualcosa...
Primi Piatti

Strozzapreti con funghi e scamorza

Il mese dei funghi è arrivato e al solo pensiero viene un po' a tutti l'acquolina in bocca. Se desiderate preparare un piatto a base di funghi, ecco la ricetta giusta per voi: strozzapreti con funghi e scamorza. Un equilibrio di sapori che farà risaltare...
Primi Piatti

Strozzapreti con calamari e pesto di peperoni

Questo primo piatto di pesce, nonostante l’apparente delicatezza, è, tutt’altro che leggero. Gli strozzapreti sono un formato di pasta di origine romagnola preparati solo con acqua e farina e completamente lavorati a mano, ma, la forma arrotolata...
Primi Piatti

Ricetta: strozzapreti al salmone

Probabilmente il nome di questa ottima pasta, fa riferimento a quando gli uomini auguravano al prete di strozzarsi durante il pasto, o ancora consideravano lo strozzaprete come il laccio attraverso il quale poterlo soffocare. Questo spiega il forte sentimento...
Primi Piatti

Pasta con guanciale e tuorlo sodo

Sicuramente tutti voi almeno una volta nella vita avrete assaggiato - o quantomeno sentito parlare - della celebre pasta alla carbonara, una vera e propria specialità della cucina laziale. Essa si prepara con guanciale fresco da soffriggere in padella,...
Primi Piatti

Ricetta: pici con guanciale e asparagi

I "pici" sono un formato di pasta antichissimo e strettamente legato al territorio toscano, specialmente al Senese e al grossetano anche se la loro origine pare essere etrusca. Se leggerai la seguente guida ti indicherò la ricetta dei "pici con guanciale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.