Tagliatelle con papavero e pancetta

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La ricetta che vi sto per proporre è un ottima alternativa ai classici condimenti per le tagliatelle. Le tagliatelle con papavero e pancetta, sono un piatto proveniente dalla provincia di Mantova, dove l'utilizzo della pancetta è molto diffuso e i papaveri crescono in modo spontaneo nei campi. Fin dal passato i germogli di papavero venivano usati in molte ricette poiché i contadini sfruttavano tutte le risorse della campagna. Se volete stupire i vostri amici o parenti questa sicuramente può essere un ottima ricetta di nicchia. I quantitativi di ingredienti che vi elencherò rappresentano le dosi per 4 o 5 persone, e il tempo stimato per la preparazione è di circa mezz'ora.

26

Occorrente

  • 500 grammi di tagliatelle fresche all'uovo
  • 300 grammi di germogli di papavero
  • 150 grammi di pancetta affumicata
  • 1 spicchio d'aglio
  • 50 grammi di burro
  • sale e pepe quanto basta
36

Per prima cosa bisogna preparare i germogli di papavero per la cottura, lavare e pulire con abbondante acqua per 2 volte, in modo da evitare qualsiasi presenza di terra, successivamente tagliarli a pezzi non troppo piccoli, altrimenti durante la cottura perdono la loro consistenza. Nel frattempo posizioniamo una pentola alta con abbondante acqua per cuocere successivamente le tagliatelle. Il sale potete metterlo sia quando l'acqua bolle che prima, l'importante è non esagerare con la quantità.

46

In una padella facciamo rosolare 25 g di burro fino a quando diventa dorato e aggiungiamo la pancetta affumicata tagliata a bastoncini sottili. In un'altra padella con l'altra metà del burro facciamo soffriggere l'aglio precedentemente pelato e leggermente schiacciato, dopo un minuto aggiungiamo il papavero tagliato a pezzi, saliamo con un paio di pizzichi di sale fino e facciamolo appassire per una decina di minuti. Quando vedremo che i germogli di papavero saranno cotti aggiungiamoli alla pancetta e aggiustiamo di sale e pepe in base alle preferenze dei commensali.

Continua la lettura
56

Ora buttiamo le tagliatelle nella pentola di acqua bollente e facciamole cuocere per alcuni minuti. Stiamo attenti con le tagliatelle poiché se non si continua a mescolare in modo circolare è facile che si attacchino tra di loro e diventino un blocco unico di pasta. Quando le tagliatelle avranno preso un bel colore giallo acceso, proviamo ad assaggiarne una e in base alle preferenze sulla cottura coliamole e aggiungiamole alla padella con il condimento precedentemente saltato. Saltiamo le tagliatelle per alcuni secondi in modo che assorbano il sapore del condimento e a questo bisogna fare i piatti, se si vuole dare una decorazione ulteriore si possono aggiungere alcune foglie di pancetta seccate nel forno.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Tenere la pasta al dente prima di saltarla in padella è la cosa migliore.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Ricetta: risotto al salmone con semi di papavero

Il risotto, cremoso e delicato, è una preparazione semplice ma capace di conquistare anche i palati più difficili. Per portare in tavola un primo piatto elegante e dai sentori marini, perché non lasciarci ispirare dal risotto al salmone con semi di...
Primi Piatti

Risotto al salmone con crema di papavero

Grande classico dell'arte culinaria mediterranea, in particolare delle terre italiane o per di più siciliane, grande prelibatezza amata da tutti in tavola. Ma è ovvio, stiamo parlando proprio del risotto al salmone con crema di papavero. Ricetta semplice...
Primi Piatti

Ricetta: risotto al salmone con robiola e semi di papavero

È una serata particolare e volete viziare gli invitati con un piatto delizioso ed originale? La ricetta del risotto al salmone con crema di robiola e semi di papavero è esattamente quello di cui avete bisogno! Resistere al profumo delicato e al sapore...
Primi Piatti

Tagliatelle fave e stracciatella

Le fave sono tra i legumi più tipici della primavera. Solo in questo periodo è infatti possibile gustare i loro semi freschi ricchi di nutrienti. Oltre ad essere un'ottima fonte di proteine e di fibre, le fave hanno un'alta percentuale di ferro, di...
Primi Piatti

Ricetta: tagliatelle al pistacchio

Direttamente dalla Sicilia, ecco la ricetta di un primo piatto strepitoso: stiamo parlando delle tagliatelle al pistacchio. Originario del Medio Oriente, il pistacchio è un albero molto resistente, in grado di svilupparsi anche su terreni aridi e che...
Primi Piatti

Ricetta: tagliatelle con bacon e ricotta

Di primi sfiziosi, ce ne sono molti. Alcuni elaborati e altri meno. Oggi appunto, parleremo di un primo abbastanza facile da preparare, ma non per questo poco appetitoso. Sto parlando delle tagliatelle con bacon e ricotta, una ricetta che non lascerà...
Primi Piatti

Ricetta: ravioli di salmone ai semi di papavero

Nella cucina italiana ha grandissimo risalto la pasta. È la nostra specialità più nota al mondo, capace di esaltarsi con mille sapori differenti. Oltre alla classica pasta secca, di uso più quotidiano, troviamo anche la pasta fresca. E questa si utilizza...
Primi Piatti

Come preparare le tagliatelle al radicchio e fonduta di Montasio

Per stupire i vostri ospiti non occorre servire ricette complicate e che richiedono una lunga esperienza tra i fornelli, ma basta portare in tavola ingredienti genuini e sfiziosi, magari insoliti ma gustosissimi, che richiameranno l'attenzione dei vostri...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.