Tartufo di cioccolato fondente con cuore allo zenzero

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il tartufo è un dolcetto principalmente a base di cioccolato. Piccolo e rotondo, il tartufo nelle sue tante varianti, è un classico della pasticceria internazionale. Molto buoni e semplicissimi da preparare, i tartufi devono riposare al freddo per parecchio tempo, quindi è consigliabile prepararli qualche giorno prima dell'utilizzo. Fra l'altro, più sono freddi e più risultano saporiti. In questa guida ci occuperemo proprio del tartufo al cioccolato, rendendolo più sfizioso con il particolare sapore dello zenzero. Vediamo subito come realizzare un tartufo di cioccolato fondente con cuore allo zenzero.

26

Occorrente

  • Cioccolato fondente 300 gr
  • Panna 500 gr
  • Burro 40 gr
  • Zucchero a velo 1 cucchiaio
  • Zenzero in polvere 1 cucchiaino
  • Zenzero candito
  • Cacao amaro
36

Preparare gli ingredienti

Realizzare il tartufo al cioccolato fondente con un cuore allo zenzero, è semplicissimo. Per prima cosa dovete procurarvi uno stampo a forma di mezza sfera, per dargli la forma tipica. Facili da trovare in commercio, sia in alluminio che in silicone, basta recarsi da un rivenditore ben fornito. Preparate quindi il cioccolato, riducendolo a pezzetti piccoli. Ciò serve a farlo sciogliere più velocemente, prima che la panna si raffreddi. Tenetevi poi pronto anche lo zenzero candito. Tagliatelo a pezzi medi, serviranno dopo a formare il cuore del tartufo.

46

Preparare l'impasto

Prendete adesso un tegamino e metteteci a bollire la panna con il burro. Nel frattempo uniteci anche lo zucchero e lo zenzero in polvere e mescolate con cucchiaio per evitare di farlo attaccare. Quando il composto inizia a fare le bollicine, spegnete il fuoco e buttateci dentro, anche il cioccolato. Mescolate velocemente fino a farlo sciogliere del tutto e ottenere una crema ben lucida e liscia.

Continua la lettura
56

Preparare il tartufo

A questo punto non vi resta che assemblare il vostro tartufo di cioccolato fondente con cuore allo zenzero. Prendete lo stampo e versateci dentro metà del composto di cioccolato. Quindi mettete al centro lo zenzero candito e successivamente, copritelo con il resto del composto. Il tartufo adesso deve compattarsi e per fare ciò, dovete tenerlo una notte intera dentro il freezer. Se utilizzate lo stampo in silicone assicuratevi che sia ben asciutto. Al contrario al momento di sformarlo, rischia di rompersi.

66

Sformarlo

Il giorno seguente il tartufo si può sformato. Poggiate sopra lo stampo un piatto da portata oppure un vassoio tondo e capovolgete il tartufo. Togliete delicatamente lo stampo e ponetelo nel frigorifero per un'ora circa o fino a quando non dovete utilizzarlo. Infine, prima di servirlo, spolveratelo in superficie con abbondante cacao amaro. Se preferite, potete utilizzare degli stampi più piccoli e realizzare i tartufi in singole porzioni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come conservare i tartufi

L'Italia è uno dei paesi più importanti per la produzione ed esportazione delle varie specie di tartufo. La crescita dei tartufi avviene in modo spontaneo ed è legata a fattori ambientali e stagionali; per questo, essendo piuttosto raro, è molto costoso....
Antipasti

Come riconoscere i tartufi

Il tartufo può essere considerato come un fungo di tipo ipogeo, il cui ciclo di vita inizia sotto terra. Generalmente cresce vicino agli alberi o nei pressi degli arbusti, per cui è facile trovarlo in prossimità delle querce o delle larici. Si conoscono...
Consigli di Cucina

5 piatti a base di tartufo

Molti chef si riferiscono a loro come il 'diamante della cucina', altri, appena odorano l'aroma che questi gustosi tesori emanano, iniziano a sognare. Pensate che uno che pesava più di 4 chili e aveva le dimensioni di un pallone da football americano...
Consigli di Cucina

5 modi di utilizzare il tartufo

Il tartufo viene spesso, e non a torto, definito il diamante del mondo culinario. Classificati principalmente in base al loro aspetto, profumo e gusto, i tartufi sono particolarmente apprezzati per merito delle loro qualità aromatiche in grado di conferire...
Primi Piatti

Come fare i tagliolini alla crema di tartufo

Per stupire i propri ospiti in un pranzo raffinato, si possono fare i tagliolini alla crema di tartufo. Il tartufo è un fungo sotterraneo, che cresce attaccato alle radici di alberi imponenti. Ogni tipo di albero influenzerà il gusto dei tartufi presenti...
Primi Piatti

Come preparare un risotto al tartufo

Se in occasione di una cena importante, desiderate portare in tavola una pietanza davvero speciale, allora potrete preparare un delizioso risotto al tartufo, che è sicuramente l'ideale per ottimizzare il risultato. Si tratta di un primo piatto molto...
Antipasti

Come fare il paté di tartufi

Come tutti sanno il tartufo è un alimento molto pregiato, che ha un elevato costo e che deve essere utilizzato nella maniera corretta per non essere sprecato e per essere gustato al meglio. Molte sono le ricette che prevedono l'utilizzo del tartufo e...
Dolci

Tartufo di cioccolato bianco con cuore al caramello

Per concludere in tutta dolcezza una cena speciale o raffinata, perché non deliziare il palato dei nostri ospiti con un dessert unico come il tartufo di cioccolato bianco con cuore al caramello? Una preparazione molto più semplice di quello che in realtà...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.