Trippa alla romana: ricetta tradizionale

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Trippa alla romana: ricetta tradizionale

La ricetta tradizionale della trippa alla romana è un classico della cucina italiana. Il sapore è deciso e sicuramente inconfondibile. Tutti gli ingredienti sono mixati alla perfezione, dal guanciale, al pomodoro fino alla freschissima menta. Immancabile il pecorino romano, che esalterà ancora di più questa deliziosa pietanza. La preparazione è di media difficoltà e richiede circa tre ore di tempo.

26

Occorrente

  • Trippa 1 kg
  • Guanciale 100 g
  • Vino bianco 50 g
  • Polpa di pomodoro 400 g
  • Pecorino romano 100 g
36

La preparazione del soffritto

Iniziamo subito a preparare la ricetta tradizionale della trippa alla romana. Pulite la trippa e lavatela sotto il getto dell'acqua corrente. Mettetela poi a bagno in una bacinella per una ventina di minuti. Nel frattempo, cucinate il brodo. Lavate e pelate una carota, quindi tagliatela a rondelle. Sbucciate una cipolla rossa, sciacquatela e fatela a fettine sottili. Mondate infine un gambo di sedano e tritatelo finemente. Prendete quindi il guanciale e tagliatelo a tocchetti. Versate in una padella antiaderente due cucchiai di olio extravergine di oliva. Rosolate il trito di verdure per qualche minuto. Per dare più carattere al soffritto della trippa alla romana, aggiungete anche uno spicchio di aglio.

46

La preparazione della trippa

Dopo qualche minuto di cottura, incorporate al soffritto il guanciale. Alzate leggermente la fiamma. Scolate la trippa messa a bagno in precedenza. Aggiungetela al resto degli ingredienti. Bollite il tutto per una decina di minuti. Successivamente, sfumate con il vino bianco, versandolo poco per volta. Aggiustate di sale e pepe nero macinato. L'ultimo ingrediente che serve per la ricetta tradizionale della trippa alla romana è il sugo di pomodoro.

Continua la lettura
56

La cottura

Mescolate per bene gli ingredienti della trippa alla romana con un cucchiaio di legno. Abbassate la fiamma al minimo e cuocete per almeno due ore. Se la trippa dovesse asciugarsi, versate un po' di acqua calda e mescolate per amalgamare il composto. A metà cottura, ricordatevi di rinfrescare la trippa con qualche fogliolina di menta e del prezzemolo tritato. Trascorso il tempo necessario, eliminate lo spicchio d'aglio e togliete la trippa dal fuoco. Trasferitela in una zuppiera. Grattugiate quindi il pecorino romano e aggiungetelo alla trippa. Servite il piatto ancora ben caldo in tavola. Accompagnate la trippa alla romana a dei crostini all'olio di oliva o a qualche fetta di pane tostato ben croccante. Il vino perfetto per questa ricetta tradizionale è ovviamente un rosso fermo e corposo a temperatura ambiente. Non mi resta che augurarvi buon appetito.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Ricetta: fiori di zucca fritti alla romana

I fiori di zucca sono una vera e propria bontà e possono essere prodotti sia dalla zucca che dalle zucchine. Trovano largo impiego in cucina specialmente nelle insalate, zuppe. I fiori di zucca fritti alla romana sono uno degli antipasti maggiormente...
Primi Piatti

Ziti alla pugliese al forno: ricetta tradizionale

La ricetta tradizionale degli Ziti alla pugliese al forno è una vera e propria delizia. Gusterete una pasta a dir poco fantastica, che si scioglie in bocca. Le due tipologie di carne andranno a creare un sugo corposo ma delicato nello stesso tempo. Gli...
Primi Piatti

Maccheroni con la trippa

La trippa viene ricavata dallo stomaco del bovino. Nella tradizione italiana, era considerato un piatto povero ma allo stesso tempo molto diffuso. Infatti sono numerosissime le ricette che prevedono l'utilizzo della trippa. La cucina savonese propone...
Primi Piatti

Zuppa di cozze alla napoletana: ricetta tradizionale

La ricetta tradizionale della zuppa di cozze alla napoletana è una vera e propria delizia per il palato. Si tratta di un piatto ricco di sapori e consistenze diverse che si mixano alla perfezione. La preparazione è piuttosto laboriosa e complicata,...
Primi Piatti

Riso salmone e pistacchi: ricetta tradizionale

La ricetta tradizionale del riso salmone e pistacchi permette di realizzare un piatto fresco, gustoso e adatto ad ogni occasione. Il riso andrà poi arricchito con il mascarpone, che darà ancora più corposità all'insieme. Se vi piacciono i sapori decisi,...
Primi Piatti

Risotto alla milanese: la ricetta tradizionale

In cucina è sempre importante mettere un po' di se stessi all'interno dei piatti che stiamo realizzando. Qualche modifica ai tempi di cottura, una marinatura particolare o magari mediante l'aggiunta di spezie e aromi che diano un tocco in più alla preparazione...
Primi Piatti

Come cucinare la cassoeula tradizionale brianzola

La cassoeula è un tipo di sugo fatto con le parti del maiale. Per parti non si intende solo le costolette e la salsiccia, ma anche la cotenna, la zampa e l'orecchio, parte integrante della ricetta tradizionale brianzola. Per quanto possa sembrare una...
Primi Piatti

Come preparare gli gnocchi alla romana con il Bimby

Gli gnocchi sono una pasta a base di semola e patate: quest'impasto li rende corposi e soffici, ideali da abbinare ad ottimi sughi. Inoltre è un tipo di pasta che viene molto apprezzata a tavola, poiché chiaramente si distingue come pasta fresca. Ma...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.