Zuppa al vino: ricetta tradizionale

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La ricetta tradizionale della zuppa al vino è perfetta per la stagione invernale. Questo piatto dal sapore unico vanta una tradizione centenaria. Si narra infatti che sia stata creata per la prima volta nell'antico Ottocento. La pietanza è piuttosto ricca, dunque può essere consumata come piatto unico. La preparazione è di media difficoltà. Iniziamo subito!

25

Occorrente

  • brodo di pollo 500 gr
  • vino bianco 250 gr
  • panna fresca 130 gr
  • panna fresca 130 gr
  • tuorli 5
35

Ecco come preparare la ricetta tradizionale della zuppa al vino. Per prima cosa, andremo a creare i crostini. Ovviamente sono facoltativi, se preferite potete anche saltare questo passaggio. In caso contrario, vediamo come procedere. Prendete qualche fetta di pan carrè e abbrustolitela in una padella antiaderente. Non utilizzate l'olio, che andrebbe ad ammorbidire troppo i crostini. Tagliate poi le fette a piccoli quadratini. Ripassateli nella padella con un velo di burro o di margarina. Fatto questo, trasferiteli in una ciotola a raffreddare. Spolverizzateli con una dose generosa di cannella o di altre spezie a piacere.

45

Versate in una pentola capiente l'acqua e aggiungete il dado vegetale. Portate ad ebollizione. Travasate quindi il vino: rosso o bianco a seconda del vostro gusto personale. In una terrina, mettete il latte e la panna. Incorporate poi i tuorli. Sbattete il tutto con le fruste elettriche. Ricordate di mescolare di tanto in tanto il brodo al vino. Successivamente, amalgamate il composto di panna e latte al brodo, continuando a mescolare lentamente. Abbassate la fiamma, così da non smontare le uova. Dovrete ottenere una consistenza liscia e cremosa. Se notate che la zuppa si rapprende, aggiungete un po' di acqua tiepida e miscelate. Ora sciogliete un cucchiaino di fecola in un pochino di latte. Versate questi due ultimi ingredienti nella zuppa al vino. Vedrete che il brodo inizierà ad addensarsi.

Continua la lettura
55

A questo punto alzate di un poco la fiamma, ma senza esagerare. Cuocete la zuppa al vino per circa due o tre minuti. Trascorso il tempo necessario, trasferitela in una zuppiera. Profumatela con delle spezie a piacere. La cannella è molto indicata per questa ricetta tradizionale, così come la cannella. Unite i crostini abbrustoliti. Servite in tavola la zuppa ancora ben calda. Dato che si tratta di un piatto sostanzioso, basterà un po' di verdura come secondo. Accompagnate la vostra meravigliosa zuppa con il vino utilizzato per la sua realizzazione. La zuppa si può conservare in frigorifero per due o tre giorni. Non mi resta che augurarvi buon appetito!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Gnocchi di semolino e ceci: ricetta tradizionale

La ricetta tradizionale di gnocchi e semolino e ceci è primo piatto ricco e gustoso. Una combinazione perfetta di proteine e carboidrati che vi saprà deliziare fin dal primo boccone. Per quanto riguarda il condimento, cucineremo un ottimo sugo di agnello....
Primi Piatti

Trippa alla romana: ricetta tradizionale

La ricetta tradizionale della trippa alla romana è un classico della cucina italiana. Il sapore è deciso e sicuramente inconfondibile. Tutti gli ingredienti sono mixati alla perfezione, dal guanciale, al pomodoro fino alla freschissima menta. Immancabile...
Primi Piatti

Ziti alla pugliese al forno: ricetta tradizionale

La ricetta tradizionale degli Ziti alla pugliese al forno è una vera e propria delizia. Gusterete una pasta a dir poco fantastica, che si scioglie in bocca. Le due tipologie di carne andranno a creare un sugo corposo ma delicato nello stesso tempo. Gli...
Primi Piatti

Riso salmone e pistacchi: ricetta tradizionale

La ricetta tradizionale del riso salmone e pistacchi permette di realizzare un piatto fresco, gustoso e adatto ad ogni occasione. Il riso andrà poi arricchito con il mascarpone, che darà ancora più corposità all'insieme. Se vi piacciono i sapori decisi,...
Primi Piatti

Ricetta: zuppa di pesce

La zuppa di pesce è una ricetta figlia della tradizione povera, preparata con il pescato invenduto o con gli scarti. Ciononostante è un piatto prelibato, ricco dei sapori e dei profumi legati al mondo del mare. La zuppa di pesce è perfetta per portare...
Primi Piatti

Ricetta: zuppa di cereali al cumino e paprika piccante

Enunceremo passo dopo passo la ricetta: gli ingredienti da utilizzare, i tempi di cottura e tutto il procedimento per realizzare una zuppa ai cereali davvero gustosissima. Il tempo necessario per la realizzazione di questa zuppa di cereali al cumino...
Primi Piatti

Ricetta: zuppa di farro al limone

Durante i periodi invernali non c'è niente di meglio che preparasi una buona zuppa per riscaldarsi e al tempo stesso non appesantirsi troppo. Sono tantissime le variante con le quali può essere preparata la zuppa. Una di queste è quella della zuppa...
Primi Piatti

Ricetta: zuppa di porri al formaggio con melagrana

In questa guida vi spiegherò come preparare una meravigliosa zuppa di porri al formaggio con melagrana. Una ricetta non comune che vi farà leccare i baffi. Dovete sapere che la ricetta della zuppa di porri al formaggio con melagrana si serve solo nei...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.